Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Privacy Policy
Governo italiano

Documento: Verbale di incontro
Azienda: FIMER Spa
Settore: Metalmeccanico
Numero dipendenti: 613
Data: 1 aprile 2022

 

In data 1 aprile 2022, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, si è svolto in videoconferenza, l’incontro riguardante la società Fimer Spa, presieduto da Luca Annibaletti coordinatore della struttura per le crisi di impresa. Sono presenti Stefano D’Addona Capo della Segreteria tecnica del Viceministro, Chiara Cherubini della segreteria tecnica del Ministro, Paola Boscaino della Divisione XI Crisi di Impresa; per la Regione Toscana Michele Beudò, Valerio Fabiani e Paolo Tedeschi; per la Regione Lombardia Antonio Genova, per la società Fimer S.p.A. Filippo Carzaniga, Roberto Galuppi, Carlo Corollo assistiti dall'advisor Ludovico Mantovani; il Sindaco di Terranuova Bracciolini Sergio Chienni. Sono presenti le segreterie nazionali e territoriali di Fim-CISL, Fiom-CGIL e Uilm-UIL, unitamente alle RSU.

Il dott. Annibaletti apre l'incontro informando che i c.d. “pre commissari” hanno declinato l'invito a partecipare alla riunione odierna non essendo stati autorizzati dal Tribunale. Lascia quindi la parola all'azienda per illustrare, anche a seguito dell’incontro tenuto in Regione Toscana lo scorso 25 marzo, lo stato delle offerte e delle trattative in corso, ed anche per aggiornare sull'andamento della società, sulla situazione finanziaria, sui rapporti con i fornitori e sull'occupazione.

Il dott. Carzaniga informa preliminarmente che, come da impegni presi, l'azienda mantiene aperto un canale diretto e frequente con le organizzazioni sindacali per aggiornare in tempo reale i lavoratrori sull'evoluzione della situazione. Comunica che due dei quattro soggetti con cui si sta trattando hanno inviato le loro offerte per le quali è già iniziata la fase comparativa. Per il prossimo martedì è attesa la terza proposta da parte di un fondo che dà garanzie di solidità e che ha preferito svolgere un colloquio preliminare in presenza di un manager che potrà essere dedicato ai questo investimento. L'incontro ha avuto esito positivo e sta portando alla formulazione di un'offerta che sarà presentata nelle prossime ore. La presentazione della quarta proposta, proveniente da un soggetto industriale, ha subito un rallentamento a causa di alcune preoccupazioni emerse rispetto ai costi, portando l'investitore a richiedere ulteriore documentazione. Tale documentazione sarà trasmessa da Fimer in data odierna e sottoposta al C.d.A. dell'investitore nella giornata di martedì p.v..

Il dott. Mantovani conferma quanto esposto dal dott. Carzaniga. Informa che l'investitore industriale ha dato mandato ai suoi legali che hanno identificato due schemi risolutivi che saranno valutati nelle prossime ore. Sottolinea che oramai il campo è ristretto, che non c'è spazio per l'inserimento di nuovi investitori e che la migliore offerta sarà individuata tra le quattro descritte. Rassicura che nelle trattative sino ad ora svolte non sono emerse problematiche particolari. Afferma che prima delle festività pasquali sarà molto probabilmente individuato l'investitore a cui verrà concessa l'esclusiva delle trattative. Rispondendo alla richiesta del dott. Chienni sulla natura giuridica delle offerte, precisa che sono costituite da lettere che, dovendo portare alla definizione di un'offerta vincolante, al momento della sottoscrizione comportano il rilascio di un'esclusiva. Inoltre informa che l'azienda si sta orientando sulla procedura di concordato preventivo perché le questioni emerse dall'analisi della due diligence hanno portato a ritenere che la procedura di accordo di ristrutturazione del debito ex art. 182 sia più difficilmente perseguibile, e ciò in conseguenza delle garanzie che Fimer ha rilasciato.
Il dott. Annibaletti prende atto che, diversamente da quanto prospettato in precedenza, verrà seguito un percorso concordatario e quindi l'adozione di una procedura che prevede maggiori adempimenti. Chiede poi all'azienda di fornire ulteriori elementi sul processo produttivo e sulla cassa integrazione.
Il dott. Carzaniga informa che, una volta ottenuta l'esclusiva, si accederà ad ulteriori risorse. Infatti l'azienda presenterà un'istanza al tribunale per l'estensione della finanza di emergenza che garantirà un incremento produttivo.

Il dott. Galuppi informa che il mese di marzo si è chiuso con un fatturato di 7 milioni di euro.

Le OO.SS., pur concordando sul fatto che la scelta di un soggetto industriale offrirebbe maggiori garanzie, chiedono di sapere se il Tribunale di Arezzo abbia concesso maggiore flessibilità sulle tempistiche e, preoccupati del fatto che si sta lentamente limitando la parte produttiva, precisazioni sull'utilizzo della finanza di emergenza.

Il dott. Carzaniga ricorda che la chiusura della procedura di pre-concordato è fissata per il 4 maggio p.v. e informa che il Tribunale di Arezzo ha esortato Fimer affinché il percorso si realizzi nei termini stabiliti. Precisa che l'attesa di qualche ulteriore giorno per il ricevimento delle restanti due offerte è una scelta esclusivamente aziendale operata nei termini previsti dal tribunale, tesa ad offrire una maggiore sicurezza all'intera operazione che porti alla sottoscrizione dell'esclusiva senza aver tralasciato nessuna opzione. Assicura poi che, una volta ottenuta l'esclusiva, l'azienda chiederà l'estensione della finanza di emergenza da parte di General finance ovvero, se necessario, con l'affiancamento di altro istituto di credito. Nel caso di esclusiva con soggetto industriale, invece, lo stesso finanzierà l'operazione autonomamente. Per quanto invece riguarda il procedimento pendente presso il Tribunale di Milano ex art. 2409 Codice Civile, il 20 marzo u.s. l'azienda ha depositato presso il Tribunale di Milano una relazione. Sono programmati incontri per l'esame di detta relazione.

Le OO.SS. chiedono maggiore circolazione di informazioni anche per i rappresentanti della sede di Vimercate. Chiedono di essere messi a conoscenza del motivo per il quale il quinto investitore precedentemente incluso nelle trattative, oggi non è più presente.

Il dott. Carzaniga accoglie immediatamente la richiesta di aggiornamento per le rappresentanze di Vimercate. Afferma che il motivo per cui uno dei soggetti industriali affacciatosi alla trattativa si è sfilato è connesso alle stringenti tempistiche richieste dall'operazione, insostenibili dalla struttura aziendale del soggetto. Afferma che l'azienda prevede di proseguire fino al mese di giugno p.v. adattando la produzione al massimo possibile rispetto alle risorse disponibili. In seguito si prevede di andare a pieno regime disponendo di nuove risorse a fronte della conclusione dell' operazione.

Il dott. Mantovani ribadisce l'impegno dell'azienda a stringere i tempi anche anticipando le tempistiche dettate dal Tribunale di Arezzo.

Il dott. Fabiani precisa che la Regione Toscana ha interloquito con uno dei soggetti interessati con l'esclusiva finalità di procedere alla richiesta aziendale di effettuare una verifica della solidità del soggetto, nell'esclusivo interesse dei lavoratori e del territorio. Auspica il proseguimento del processo di condivisione delle informazioni e di arrivare ad un risultato concreto quanto prima.

Il dott. Genova chiede che si trovi già da subito una data condivisa per un nuovo incontro e l'impegno da parte dell'azienda a diffondere le informazioni anche ai rappresentanti sindacali della sede di Vimercate. Ribadisce la completa disponibilità della Regione Lombardia ad incontri sindacali e aziendali per l'individuazione di iniziative future.

Il dott. Chienni chiede se le due offerte arrivate siano state trasmesse al MiSE.

Il dott. Annibaletti precisa che la decisione di affidare l'esclusiva appartiene solo alla società ma che il MiSE si rende disponibile a ricevere il dettaglio delle offerte. Assume l'informazione comunicata dall'azienda che entro la settimana di Pasqua verrà sottoscritta l'esclusiva. Conseguentemente convoca il prossimo incontro in data 15 aprile p.v. registrando l'impegno dell'azienda a comunicare e gestire insieme alle parti eventuali slittamenti o anticipazioni dell'incontro.

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina