Verbale di riunione - Semitec (29 gennaio 2020)

Documento: Verbale di riunione
Azienda: Semitec S.r.l.
Settore: Installazione e manutenzione di infrastrutture per telefonia mobile
Numero dipendenti: 311
Data: 29 gennaio 2020

In data 29 gennaio 2020 presso il Ministero dello Sviluppo Economico si è tenuto l’incontro riguardante la società Semitec S.r.l. La riunione è stata presieduta dalla dott.ssa Paola Capone della Struttura per le Crisi di Impresa del Ministero dello Sviluppo Economico. Per la Semitec S.r.l. hanno partecipato: l’Ing. Giuseppe Incarnato, Presidente di IGI Investimenti, l’Ing. Alfonso Cutolo, Direttore Generale, la dott.ssa Turan Sadigi, Responsabile del Personale.

Sono intervenute le OO.SS. Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil, sia nazionali che territoriali, unitamente alle R.S.U.

La dott.ssa Capone ha esordito sottolineando che questo incontro sarebbe dovuto essere l’occasione di monitoraggio dello stato di attuazione del Piano Industriale tuttavia, a seguito delle ripetute segnalazioni da parte delle Organizzazioni sindacali di ulteriori ritardi nei pagamenti degli stipendi ha invitato loro a rappresentare con dettaglio ogni criticità emersa nel corso degli ultimi mesi.

Le Organizzazioni Sindacali hanno fatto sapere che la Società non ha ancora pagato gli stipendi dicembre 2019 e visto l’avvicinarsi della data di pagamento della mensilità di gennaio hanno chiesto a Semitec se intende porre un rimedio a tale situazione oramai insostenibile. Hanno altresì richiesto ai rappresentanti aziendali di chiarire l’effettivo carico di lavoro e la distribuzione in ambito territoriale; la situazione dei distacchi; lo stato del pagamento del Fondo Cometa. Le Organizzazioni sindacali hanno denunciato una assoluta assenza delle Relazioni sindacali vista la tendenza societaria ad assumere decisioni - che incidono sui lavoratori - senza una previa condivisione con il Sindacato. Emblematica è stata la chiusura definitiva della sede di Bari che, diversamente da quanto indicato nel Piano industriale in cui compare come sede hub, è stata chiusa ed i lavoratori costretti al fermo totale. Le altre sedi stanno vivendo l’analoga situazione di fermo totale attività. La situazione è allarmante ed è necessario che Semitec fornisca un focus sulle realtà territoriali e chiarisca se intende continuare a discostarsi dal Piano Industriale.

Per la Semitec ha preso la parola l’ing. Giuseppe Incarnato il quale, dopo aver specificato di partecipare in rappresentanza della Proprietà IGI INVESTIMENTI, ha fatto sapere che il nuovo AD, la dott.ssa Margherita Raffaele, è stata impossibilitata a partecipare per ragioni di salute.

Ha chiarito che si sta procedendo al pagamento degli stipendi di dicembre 2019 mediante acconti e l’operazione sarà completata entro il 4 febbraio p.v., ciò genererà un ritardo anche per quelli di gennaio 2020. La causa di questi ritardi è da rinvenirsi nel mancato incasso dei crediti vantati verso due clienti fondamentali e fino ad ora la società ha fatto fronte con immissione di nuovo capitale. Per far fronte alla temporanea difficoltà economica si richiederà il finanziamento di Euro 3 ML garantito dal Fondo centrale, così come previsto nel Piano Industriale. Il valore di produzione è stabile, è migliorata la redditività, il 2019 è stato un anno di lavoro intenso e stono stati confermati tutti i clienti. Il bilancio 2019 sarà chiuso con il valore di fatturato indicato nel Piano Industriale. Il 25 febbraio p.v. si riunirà il CDA che deciderà la soluzione industriale strutturale dell’azienda e solo in quella data si potranno dare le risposte agli altri quesiti posti dal sindacato oggi. L’ing. Incarnato ha precisato che non vi è intenzione di abbandonare l’azienda né di ridurla poiché IGI crede in Semitec e nel settore.

Le Organizzazioni sindacali, non soddisfatte dalle risposte dell’Ing. Incarnato, hanno osservato che lo stato di Crisi di Semitec è oramai conclamato. Hanno tuttavia auspicato che il 25 febbraio possa essere un momento di ripartenza per l’azienda alla quale è stata chiesta una comunicazione più fluida e trasparente.

La dott.ssa Paola Capone ha concluso l’incontro con grande perplessità sulla situazione societaria. Ha inviato la Proprietà a fare la sua parte ed ogni sforzo non solo per recuperare il ritardo nei pagamenti degli stipendi ma anche per il rilancio dell’azienda che, ad oggi, non si è ancora verificato nonostante la società abbia sempre lanciato dei messaggi di ripresa nel corso degli incontri al Mise. Occorre maggiore trasparenza da parte di Semitec anche per permettere di intervenire, le OO.SS. e le Istituzioni, tempestivamente per la individuazione di soluzioni tese a garantire la continuità aziendale e la tenuta occupazionale. Pertanto ha chiesto alla società di aggiornare costantemente il Ministero sulle strategie societarie. Il tavolo sarà convocato per successivi aggiornamenti su richiesta delle parti.



Questa pagina ti è stata utile?

NO