Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Privacy Policy
Governo italiano

Incontro con i parlamentari italiani e i commissari Gentiloni e Vestager

Prima missione a Bruxelles per il ministro Adolfo Urso dove ha incontrato i rappresentanti italiani al Parlamento europeo e i commissari europei agli Affari Economici e Monetari Paolo Gentiloni e alla Concorrenza Margrethe Vestager per parlare di politiche industriali comuni europee in vista delle sfide future.

“Proprio in queste ore - ha dichiarato il Ministro - vi è stata la diffusione della prima bozza, che sarà la bozza conclusiva del Consiglio d’Europa, in cui l’Italia ritrova le indicazioni più significative emerse dall’incontro che ho avuto con il commissario Thierry Breton diverse settimane fa. È importante che l’Europa abbia una risposta assertiva, attiva, significativa sul piano finanziario e che sia una risposta comune. Vogliamo rafforzare l’Europa e non certo dividerla”.

Il Ministro, parlando con i giornalisti ha sottolineato la necessità di lavorare a risposte che impegnino le risorse comuni europee, che non sono state utilizzate su altri strumenti europei e della necessità di una semplificazione delle procedure per gli aiuti di Stato. “Dobbiamo poterle indirizzare - ha commentato - verso i settori strategici europei particolarmente colpiti dalle misure americane e dalla competizione sleale cinese, oltre a facilitare la transizione ecologica e digitale, fondamento anche di una sana politica industriale economica e sociale del nostro continente”.

Il Ministro nel ribadire che “l’Italia farà la sua parte come qualunque altro partner europeo” ha sottolineato l’importanza di queste azioni per il nostro Paese che vanta un’eccellente industria manifatturiera da tutelare e valorizzare.

“Spero che l’Italia sia ascoltata anche sulla politica energetica europea, in quanto la decisione dell’Unione europea sul tetto del gas ha determinato un crollo del fenomeno speculativo sul gas. Esiste ancora un vantaggio competitivo sul prezzo dell’energia, ma abbiamo bisogno di una politica energetica comune.” ha concluso il Ministro.

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina