Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Privacy Policy
Governo italiano

Documento: Verbale di incontro
Azienda: Speedline Srl
Settore: Automotive
Numero dipendenti: 605
Data: 18/05/2022

 

  

In data 18 maggio 2022 si è svolto un incontro convocato dal Ministero dello Sviluppo Economico avente ad oggetto la società Speedline Srl. La riunione è stata presieduta da Luca Annibaletti, Coordinatore della Struttura per le crisi d'impresa. Hanno partecipato: per il MiSE Stefano D'Addona, Responsabile della Segreteria tecnica del Viceministro, e Chiara Cherubini, Dirigente della Divisione crisi d'impresa, con funzionari della Divisione e consulenti della Struttura; per la Regione Veneto Elena Donazzan, Assessore al lavoro, e Mattia Losego di Veneto Lavoro; per la Città metropolitana di Venezia Deborah Onisto; per il Comune di Santa Maria di Sala il Sindaco Nicola Fragomeni; per il Gruppo Ronal e Speedline Srl Oliver Brauner, CEO del Gruppo Ronal, Francesco Terra, senior project manager del Gruppo Ronal, Katia Menin, direttore del personale di Speedline Srl, e Caterina Campagna Weiss, assistiti dagli advisor Luca Ramella e Antonella Negri; per la Fondazione Ergo gli advisor Gabriele Caragnano, Gianluigi Baroni e Mauro Venturato; per Confindustria Venezia Antonio Baldi; le Segreterie nazionali e territoriali di CGIL, CISL, Fim-Cisl e Fiom-Cgil, unitamente alle RSU.

Dopo aver brevemente richiamato quanto avvenuto nel precedente incontro presso il MiSE e, in particolare, la disponibilità del Gruppo Ronal e della Fondazione Ergo a incontrarsi per approfondire le soluzioni individuate da quest’ultima per il superamento della crisi di Speedline, Luca Annibaletti ha invitato Gabriele Caragnano e Oliver Brauner a illustrare gli sviluppi intervenuti.

Gabriele Caragnano ha confermato che la Fondazione Ergo e il Gruppo Ronal si sono positivamente confrontati sullo scenario “Flex” dello studio già presentato al MiSE, sebbene persistano punti di vista diversi su alcuni dei presupposti.

Anche Oliver Brauner ha confermato che il confronto con la Fondazione Ergo si è svolto con dinamiche positive, tuttavia ha aggiunto che il Gruppo Ronal considera non realistici volumi, prezzi e riduzione del costo del lavoro ipotizzati dallo studio presentato da Ergo.

Gli advisor della Fondazione Ergo hanno voluto precisare che le conclusioni dello studio predisposto si basano su dati che, sebbene dovranno essere dettagliati nella successiva e auspicata fase esecutiva del piano, sono coerenti e realistici rispetto alle analisi fatte sul mercato di riferimento. Inoltre, è importante verificare le aperture fatte dalle organizzazioni sindacali rispetto alla razionalizzazione del costo del lavoro. Hanno poi rilevato che i risultati dello studio potrebbero essere significativamente migliorati sia da eventuali sinergie tra Speedline e APP Tech, sia attraverso il ricorso a misure di sostegno agli investimenti e all’occupazione da parte delle competenti Istituzioni nazionali e locali.

Le Organizzazioni Sindacali hanno difeso le conclusioni della Fondazione Ergo, confermando di aver già manifestato disponibilità a valutare le iniziative finalizzate alla razionalizzazione dei costi e sottolineando che i lavoratori hanno sempre avuto un comportamento estremamente responsabile salvaguardando la produttività. Hanno pertanto richiesto un impegno formale del Gruppo Ronal sui punti essenziali dell’ipotesi di risanamento avanzata dalla Fondazione Ergo.

Mr Brauner ha confermato la sua posizione di ritenere antieconomico continuare a produrre nello stabilimento di Tabina; ha pertanto precisato che il futuro del sito dovrebbe coniugare l’ingresso di un nuovo investitore con l’avvio di altre produzioni funzionali alle attività già realizzate dal Gruppo. Ha aggiunto che in un’eventuale operazione di M&A il Gruppo Ronal potrà eventualmente valutare la sua permanenza nel capitale. Ha infine confermato che la produzione per i marchi più prestigiosi sarà mantenuta nell’impianto di Speedline e che la volontà del Gruppo Ronal è quella di salvaguardarne la continuità.

L’Assessore Donazzan ha ribadito l’impegno della Regione Veneto a mettere in campo ogni misura disponibile per salvaguardare una realtà ritenuta di straordinaria importanza per il territorio e per il settore automotive.

Il dott. Annibaletti ha confermato la disponibilità del MiSE a sostenere la continuità produttiva di Tabina essendo strategica nell’ambito della filiera automotive.

La riunione si è conclusa con l’impegno del Gruppo Ronal e delle Organizzazioni Sindacali a incontrarsi entro pochi giorni per definire un documento d’intesa sugli impegni reciproci, che sarà oggetto del prossimo tavolo istituzionale.

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina