Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Privacy Policy
Governo italiano

Documento: Verbale di incontro
Azienda: Speedline Srl
Settore: Automotive
Numero dipendenti: 605
Data: 13 ottobre 2022

 

Il 13 ottobre 2022, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, si è tenuto in presenza e in video conferenza l’incontro avente ad oggetto la Speedline Srl. La riunione è stata presieduta dal dott. Luca Annibaletti, coordinatore della Struttura per le crisi di impresa. Hanno partecipato: per il MiSE il Responsabile della Segreteria tecnica del Viceministro Todde, Stefano D’Addona, la Dirigente della Divisione crisi d'impresa, Chiara Cherubini, Giovanni Campobasso, Giulia Moscoloni e Francesca Borea della stessa Divisione; per la Regione Veneto il Dirigente dell’Unità di crisi Mattia Losego, Giuliano Bascetta e Giosuè Giardinieri; per la Città Metropolitana di Venezia, Deborah Onisto; il Sindaco di Santa Maria di Sala Natascia Rocchi; per Confindustria Venezia Antonio Baldi Guerinoni; per il Gruppo Ronal e Speedline Srl il Ceo Ronal Group, Oliver Brauner, il Senior Project Manager Ronal Group, Francesco Terra e il direttore del personale Speedline, Katia Menin, assistiti dagli advisor Luca Ramella, Antonella Negri e Mario Sacco e dagli advisor finanziari Vitale e Co. Hanno partecipato altresì le Segreterie nazionali e territoriali di CGIL, CISL, Fim-Cisl e Fiom-Cgil.

Il dott. Annibaletti ha aperto la riunione rammentando l’accordo raggiunto in data 9 giugno u.s. e ha dato la parola all’azienda per avere un aggiornamento in merito all’attività di ricerca di un potenziale investitore.

Gli advisor di Vitale e Co. hanno reso noto che da agosto si sono attivati per avviare contatti e interlocuzioni con alcuni potenziali investitori, realizzando una data room, in cui sono state inserite informazioni rilevanti attinenti alla Società Speedline, e un documento informativo contenente la descrizione della società, il mercato di riferimento, gli stabilimenti, il processo produttivo; tale documento sarà reso disponibile agli investitori interessati che abbiano sottoscritto una lettera di riservatezza. Attraverso una presentazione, hanno informato i presenti che sono stati individuati e contattati un numero importante di potenziali investitori, italiani e stranieri, di natura industriale relativi al settore automotive e di natura finanziaria specializzati in turnaround; oltre 20 hanno firmato l’accordo di riservatezza, accedendo alla data room e al documento informativo, e ottenendo chiarimenti sul tema. Alcuni soggetti hanno già visitato lo stabilimento ed è programmata nel corrente mese la visita di un ulteriore potenziale investitore.

Il dott. Ramella ha precisato che il documento informativo di cui sopra è stato inviato alle OO.SS. e che l’azienda è disponibile a fornirlo anche al MiSE.

Le OO.SS. hanno sollecitato il Gruppo Ronal ad impegnarsi maggiormente sul processo di vendita della Speedline, individuando a breve un nuovo investitore in grado di rilanciare lo stabilimento di Tabina, e a evitare disallineamenti rispetto agli impegni presi nell’accordo del 9 giugno u.s. in merito all’avvio di nuove campionature, alla saturazione dello stabilimento e alle misure di efficientamento previste dal citato accordo. Hanno chiesto rassicurazioni ai rappresentanti del Gruppo Ronal sulla disponibilità da parte di quest’ultimo a fornire un supporto allo sviluppo delle trattative e a consolidare eventuali e auspicabili manifestazioni di interesse.

I rappresentanti del Gruppo Ronal hanno affermato che la vendita della Speedline rappresenta una priorità e che, a tale scopo, si sta attivando per far sì che la cessione del sito possa avvenire in tempi rapidi. Hanno dichiarato inoltre che il Gruppo fornirà il necessario supporto al successo dell’operazione e manterrà gli impegni presi nell’accordo siglato nel mese di giugno.

Il dott. Losego ha valutato positivamente la disponibilità, manifestata da parte del Gruppo Ronal, a concentrarsi sul processo di cessione del sito di Tabina. Ha poi assicurato che la Regione Veneto fornirà il proprio supporto in tale processo per garantire la continuità produttiva del sito di Santa Maria di Sala e la salvaguardia occupazionale.

Il sindaco di Santa Maria di Sala e il rappresentante della Città Metropolitana di Venezia hanno assicurato la massima disponibilità a sostegno della salvaguardia occupazionale.

Il dott. Baldi Guerinoni ha dichiarato che Confindustria Venezia è perfettamente allineata con le Istituzioni, auspicando una celere definizione del processo di vendita dello stabilimento.

Il dott. Annibaletti ha ribadito l’importanza dell’allineamento delle Istituzioni; ha invitato i responsabili dell’azienda a confrontarsi in loco con le organizzazioni sindacali sulle questioni operative della produzione in modo da evitare incomprensioni o disallineamenti; ha manifestato la disponibilità ad interloquire anche con terze parti in caso di necessità; ha concluso il tavolo ricordando che l’obiettivo primario da perseguire è la reindustrializzazione del sito nei tempi previsti. A tale scopo, il MiSE continuerà il monitoraggio con cadenza bimestrale dello stato di attuazione dell’accordo siglato nel mese di giugno u.s..

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina