Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Privacy Policy
Governo italiano

Documento: Verbale di incontro
Azienda: FLEXTRONICS MANUFACTURING Srl
Settore: ICT
Numero dipendenti: 570
Data: 1 giugno 2022

 

Il giorno 1 giugno 2022 si è svolto, in videoconferenza, l’incontro riguardante la società Flextronics Manufacturing Srl, presieduto da Luca Annibaletti coordinatore della struttura per le crisi di impresa. Per il Ministero dello Sviluppo economico erano presenti Stefano D’Addona, Chiara Cherubini, Paola Boscaino; per la Regione Friuli Venezia Giulia l'assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia Alessia Rosolen, Luca Antonicelli e Lucio Penso; per la Flextronics Hannes Moritz in rappresentanza del Gruppo, Sergio Bosso General Manager Flex Manufacturing, Fabrizio Magistrali Business Developer Flex Manufacturing; per Confindustria Alto Adriatico Alessandro Carta; per Invitalia Roberto Rizzardo e Tommaso Cafora. Erano inoltre le Segreterie nazionali e territoriali di Fiom-Cgil, Fim-Cisl, Uilm-Uil, USB, UGL unitamente alle RSU.

Il dott. Annibaletti ha aperto l'incontro chiedendo all'azienda aggiornamenti sul piano industriale ed in generale rispetto alla riunione del 26 maggio scorso.

Il Dott. Bosso ha illustrato il piano industriale evidenziando i cambiamenti di mercato e le innovazioni tecnologiche che hanno indotto la scelta strategica di parziale riorganizzazione delle produzioni a fronte anche delle contrazioni degli utili. Ha tuttavia confermato la decisione di operare la riconversione industriale avvalendosi del personale già presente in azienda, adeguatamente formato, senza alcun ricorso a nuove assunzioni, essendo pienamente consapevole di possedere all'interno del sito un estremo livello di competenza.

La dott.ssa Sforzini ha chiesto l'apertura di un tavolo locale per procedere alla verifica occupazionale, mentre a livello ministeriale verrebbero effettuati gli approfondimenti sul piano industriale.

Le OO.SS. hanno sottolineato che dal piano illustrato oggi non risulta chiaramente la nuova vocazione industriale del sito di Trieste. Hanno pertanto chiesto verifiche sulla parte produttiva e sul percorso occupazionale e la puntuale definizione del piano occupazionale rispetto al nuovo modello produttivo presentato, ribadendo la centralità del tavolo presso il Ministero dello Sviluppo economico come sede unitaria del confronto tra le parti.

Il dott. Carta ha chiesto alle parti di procedere alla valutazione dell'ammortizzatore sociale più adeguato a sostegno del processo di riconversione presentato dall’azienda.

L'assessore Rosolen ha confermato il supporto della Regione, sia al piano di sviluppo aziendale, da cui partire per individuare tutti gli interventi conservativi sul piano occupazionale, sia al confronto tra le parti.

Dopo una ampia discussione tra le parti, il dott. Annibaletti evidenzia che tutti i partecipanti al tavolo hanno condiviso un periodo transitorio di due mesi, nel quale identificare un possibile percorso per una soluzione, auspicabilmente condivisa, alla attuale crisi di Flextronics. Durante il suddetto periodo transitorio:

- Flextonics si impegna a non effettuare in questo periodo transitorio azioni unilaterali in tema di esuberi e non interrompe i contratti di lavoro interinali;

- l’ammortizzatore sociale per il periodo transitorio è il Contratto di Solidarietà, mentre verranno applicati, anche con il supporto di Confindustria, ammortizzatori appropriati per i contratti interinali;

- viene avviato, con incontri periodici, il confronto sul piano industriale tra il team Mise ed Invitalia e la Società per evidenziare le opportunità di sviluppo commerciale anche a livello di progetti che possano essere idonei per attingere ai fondi previsti dal PNRR; il Mise si impegna anche a confrontarsi con Nokia rispetto allo sviluppo potenziale del sito di Trieste; questo tavolo di confronto evidenzierà le opportunità di sviluppo ed occupazionali;

- a livello locale viene avviato un confronto di verifica occupazionale rispetto al Contratto di Solidarietà;

- verranno coinvolti anche rappresentanti del MLPS per identificare gli ammortizzatori più idonei rispetto al percorso che verrà identificato a valle di questo periodo transitorio.

Vengono fissati presso il Mise due incontri plenari di avanzamento (sempre in modalità video conference) per il giorno 27 giugno alle ore 9 e per il giorno 22 luglio ore 14,30.

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina