Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Privacy Policy
Governo italiano

Documento: Verbale di incontro
Azienda: Fimer S.p.A..
Settore: Energia
Numero dipendenti: 613
Data: 4 agosto 2021

 

In data 15 aprile 2022, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, si è svolto in videoconferenza l’incontro riguardante la società Fimer Spa. La riunione è stata presieduta da Luca Annibaletti, Coordinatore della Struttura per le crisi d'impresa. Hanno partecipato: per il MiSE Stefano D'Addona, Responsabile della Segreteria tecnica del Viceministro, Chiara Cherubini, Dirigente della Divisione Crisi d'impresa, e Antonella Cascioli della medesima Divisione. Hanno partecipato per la Regione Toscana, Valerio Fabiani e Michele Beudò; per la Regione Lombardia Antonio Genova; il Sindaco di Terranuova Bracciolini Sergio Chienni; per la società Fimer S.p.A. Filippo Carzaniga, Claudio Calabi assistiti dal consulente Ludovico Mantovani e dal legale Giampiero Falasca; le segreterie nazionali e territoriali di Fim-CISL, Fiom-CGIL e Uilm-UIL, unitamente alle RSU.

Il dott. Annibaletti ha aperto l’incontro chiedendo all’azienda aggiornamenti rispetto all’ultima riunione.

I vertici aziendali hanno spiegato che ad oggi sono presenti tre offerte più una manifestazione d’interesse: Il fondo Certina, il fondo Attestor, il fondo Clementy e una manifestazione di interesse dal fondo di investimento americano Atlas; ad oggi, hanno precisato è assente il soggetto industriale.

Hanno puntualizzato che si tratta di soggetti di grande rilevanza che intervengono nell’operazione con mezzi propri, affermando che, su suggerimento dei legali, hanno scelto di andare avanti con due o tre trattative in parallelo per evitare il rischio che all’ultimo momento l’unico investitore ci ripensi e puntualizzando che i soggetti che hanno fatto le proposte più avanzate e con maggiori dettagli sono il fondo Certina e il fondo Attestor mentre gli altri due sono in una fase più embrionale.

Hanno spiegato che la società dovrebbe chiedere l’istanza di proroga di 60 gg dei termini per il pre-concordato che scadono ai primi di maggio e l’estensione della possibilità di utilizzo della finanza di urgenza per il medesimo periodo; con questa istanza di proroga dei termini la società presenterà il progetto di bilancio 2020 approvato dall’organo amministrativo.

Le organizzazioni sindacali hanno espresso rammarico in quanto in questa sede ci si aspettava la presentazione dell’esclusiva denunciando che lo stabilimento di Terranuova si sta fortemente depotenziando per la perdita di know how e competenze e il ciclo produttivo sta rallentando.

Hanno espresso unitariamente una valutazione negativa rispetto alla richiesta da parte della proprietà di ulteriori sessanta giorni di proroga senza aver concesso l’esclusiva ad un soggetto in quanto vi è il rischio che il Tribunale possa non concedere effettivamente la proroga; inoltre hanno chiesto chiarimenti in merito alla finanza di emergenza.

La Fim Cisl ha chiesto che venga messa a verbale la loro richiesta di coinvolgimento al tavolo di ABB, che aveva ceduto a Fimer il ramo di azienda di Terranuova.

Il sindaco di Terranuova ha stigmatizzato i continui cambi di strategia puntualizzando che non è stato rispettato l’impegno preso in base al quale entro Pasqua sarebbe stato annunciato il nome dell’acquirente con cui avviare la trattativa chiedendo di invitare al tavolo i due fondi interessati.

La Regione Toscana ha proposto, come elemento di garanzia, di invitare i soggetti selezionati al tavolo per discutere del futuro industriale del sito.

La Regione Lombardia ha ribadito che auspicava oggi la presentazione dell’esclusiva e si unisce alla richiesta della Regione Toscana rendendosi disponibile ad incontri riservati con i soggetti interessati.

L’azienda ha affermato che la finanza di emergenza è stata richiesta per lo stesso importo della precedente richiesta auspicando un esito positivo entro il mese di aprile.

Il dott. Annibaletti ha chiuso il tavolo invitando le parti ad effettuare riunioni in sede locale garantendo che il MiSE monitorerà tramite le Regioni l’andamento degli incontri ed aggiornerà il tavolo nel prossimo mese.

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina