Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Privacy Policy
Governo italiano

Documento: Verbale di incontro
Azienda: Abramo SpA
Settore: Call Center
Numero dipendenti: 1200
Data: 16 giugno 2022

Il 16 giugno 2022, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, si è tenuto in video conferenza l’incontro avente ad oggetto Abramo SpA in AS. La riunione è stata presieduta dal dott. Luca Annibaletti, coordinatore della Struttura per le crisi di impresa. Hanno partecipato: per il MiSE il Viceministro Alessandra Todde, il prof. Stefano D’Addona, responsabile della segreteria tecnica del Viceministro Todde, Chiara Cherubini, Dirigente della Div. III Crisi di Impresa, e Francesca Borea della medesima divisione; per il Ministero del Lavoro il Direttore Romolo De Camillis, DG Rapporti di lavoro e delle relazioni industriali; per la Regione Lazio Giulia Sforza dell’Assessorato al lavoro e Giacomo Ranieri dell’Assessorato allo sviluppo economico; per la Regione Sicilia Giovanna Segreto, Capo di Gabinetto e Gaetano Sciacca, Direttore Generale Dip. Lavoro; per la Regione Calabria Roberto Cosentino, Direttore Generale Dip. Lavoro e Welfare; il Prefetto di Crotone Maria Carolina Ippolito; il Presidente della Provincia di Crotone Sergio Ferrari; il Sindaco di Crotone Vincenzo Voce e Giovanni Greco, Presidente del Consiglio comunale; il Questore di Crotone Marco Giambra; per il Comune di Montalto Offugo Silvio Ranieri; per Abramo SpA Angelo Vitiello, responsabile Risorse Umane; i commissari straordinari Tiziano Onesti, Silvia Bocci e Federica Trovato; Nicola La Marca e Corrado Punico, consulenti giuslavoristici dei commissari straordinari dello Studio legale Perulli di Venezia; l’On. Elisabetta Barbuto e le Segreterie nazionali e territoriali di CGIL, SLC-CGIL, UIL, UILMCOM, FISTEL-CISL, UGL Telecomunicazioni, COBAS Telecomunicazioni.

Il dott. Annibaletti, dopo una breve introduzione, ha ricordato che a gennaio 2022 la società è stata dichiarata insolvente; ad aprile 2022 è stata ammessa alla procedura di amministrazione straordinaria confermando come commissari straordinari gli stessi commissari giudiziali; ha lasciato loro la parola per un aggiornamento.

L’avv. Trovato ha reso noto che i commissari straordinari, dopo la nomina come commissari giudiziali avvenuta il 27 gennaio u.s., hanno realizzato una ricognizione sulla situazione aziendale, ai sensi dell’art. 28 della legge Prodi bis, ravvisando la presenza di concrete prospettive di recupero, tenendo conto sia delle commesse, sia dei flussi di cassa che dello stato economico e patrimoniale. I commissari hanno poi emesso un parere nel quale hanno identificato la possibilità di un programma di cessione dei complessi aziendali. Il programma, inviato al MiSE il 6 giugno u.s., mira a porre sul mercato l’azienda preservando l’unicità del complesso. Come ipotesi alternativa vi è quella di vendere le partecipazioni separatamente dal complesso aziendale, evitando in ogni caso spacchettamenti. Con riferimento allo stato passivo, l’avv. Trovato ha precisato che la società ha un ingente passivo con la peculiarità della predominanza di soggetti creditori privilegiati la cui maggioranza è rappresentata da lavoratori ed ex lavoratori. Pertanto i commissari stanno procedendo nel richiedere l’accesso alla dichiarazione di incapienza, così che una parte di lavoratori possano chiedere una parte di TFR all’Inps ed ottenere un incremento dell’incasso dei loro crediti. L’avv. Trovato ha comunicato, inoltre, che la società ha ottenuto il Durc e il Durf, che sono attualmente in fase di rinnovo, e che ciò ha comportato la possibilità di recuperare alcuni crediti nei confronti di Poste e del MIMS, favorendo la gestione della cassa che ha consentito di pagare la retribuzione dei lavoratori. Ha poi fatto sapere che è stata presentata domanda di Cigs retroattivamente al 27 gennaio u.s. e che, con accordo stipulato presso il MLPS, verrà anticipata la Cigs ai lavoratori in attesa che l’Inps rimborsi la procedura. Ha, infine, informato i presenti che le commesse in corso della società sono quelle di Tim SpA ed Enel SpA e che i commissari straordinari stanno lavorando alla possibile applicazione della clausola sociale per queste e le altre commesse in modo che i lavoratori ne possano beneficiare nel passaggio alla nuovo gestore.

Il Prof. Onesti e la dott.ssa Bucci hanno precisato che gli adempimenti della procedura di amministrazione straordinaria si stanno svolgendo nei tempi previsti, salvaguardando il perimetro occupazionale e le competenze del complesso aziendale.

Le OO.SS. hanno manifestato apprezzamento per l’operato dei commissari straordinari e hanno espresso timore per la tenuta del perimetro occupazionale in considerazione del calo dei volumi delle commesse. A tale proposito, hanno chiesto alle Istituzioni presenti di avviare interlocuzioni con i principali committenti (Tim ed Enel) dell’azienda al fine di garantire continuità produttiva anche allo scopo di ottenere nuove commesse partecipando a nuove gare di appalto. Le OO.SS. hanno poi chiesto informazioni sulle tempistiche della procedura di cessione dei complessi aziendali, manifestando preoccupazione in ordine all’applicazione della clausola sociale che, in caso di cessione, comporterebbe l’esubero di un centinaio di lavoratori in staff sul territorio di Crotone. Hanno concluso chiedendo che venga istituito un tavolo di confronto sindacale al fine di seguire il percorso della procedura di amministrazione straordinaria.

L’avv. Trovato ha evidenziato che il programma di cessione ha la durata di un anno dall’approvazione da parte del MiSE ma che, se necessario, si usufruirà di proroghe, precisando che la procedura di vendita dei complessi aziendali ha dei tempi tecnici da rispettare.

Il dott. Cosentino ha comunicato che la Regione Calabria è impegnata sul fronte delle politiche attive e che a tal fine si stanno utilizzando tutti gli strumenti a tutela dell’occupazione.

Il dott. Sciacca della Regione Sicilia ha espresso soddisfazione per il fatto che alcune criticità siano state superate, precisando che il programma GOL consente di fare politiche attive sia sul piano della formazione sia su quello della riqualificazione allo scopo di facilitare la ricollocazione.

La dott.ssa Sforza ha affermato la piena disponibilità della Regione Lazio a seguire le fasi della procedura di amministrazione straordinaria, auspicando che il programma di cessione possa concludersi positivamente. Ha rappresentato che le clausole sociali sono previste a tutela della occupazione e che la Regione Lazio fornirà il suo contributo alla salvaguardia occupazionale.

Il Presidente della Provincia di Crotone ha osservato che le Istituzioni presenti forniranno il proprio contributo alla soluzione della controversia.

Il Sindaco di Crotone ha invitato tutte le parti ad adoperarsi per la salvaguardia occupazionale e la ricollocazione dei lavoratori.

Il Prefetto di Crotone ha espresso apprezzamento per la professionalità e compostezza manifestata da parte dei lavoratori.

Il Viceministro Todde ha ringraziato le Istituzioni presenti al tavolo e i commissari apprezzando il lavoro svolto da questi ultimi. Ha rappresentato che il MiSE supporterà il lavoro dei commissari medesimi e si confronterà con i committenti, impegnandosi a monitorare il percorso della procedura di amministrazione straordinaria.

Il dott. Annibaletti ha chiuso l’incontro constatando positivamente che tutte le Istituzioni si sono impegnate alla collaborazione con i commissari e ha annunciato la convocazione di un prossimo tavolo non appena vi saranno sviluppi significativi.

 

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina