Verbale di incontro - Società Stampi Group di Monghidoro

In data 30 Novembre 2016, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, si è tenuto un incontro riguardante la situazione della Società Stampi Group di Monghidoro. All’incontro erano  presenti:

  • per il Ministero dello Sviluppo Economico il Dott. Castano, Responsabile della Unità Gestione Vertenze delle Imprese in Crisi del Mise e la dr.ssa Silvia Bellato della UGV
  • per Banca del Mezzogiorno – Medio Credito Centrale Spa - Direzione interventi per lo sviluppo - il Dott. Guglielmo Belardi, il  Dott. Luigi Mozzillo, la Dott.ssa Simona Giammatteo
  • per la Regione Emilia Romagna il Dott. Roberto Ferrari (Responsabile per le crisi aziendali dell’Assessorato alle Attività Produttive)
  • per la Stampi Group Srl l’Avv. Elena Pedrazzini e il Dott. Francesco Vettese in rappresentanza del Dott. Turchetto assente per motivi di salute
  • per il Comune di Monghidoro il Sindaco Barbara Panzacchi
  • le segreterie territoriali di FIOM-CGIL e FIM-CISL unitamente alle RSU

In apertura di incontro il Mise ha informato i presenti che si sono fatti in questi mesi, sia con i Gestori del Fondo di Garanzia che con degli Istituti bancari, degli approfondimenti per verificare il possesso da parte di  “Stampi Group srl” dei requisiti soggettivi di ammissibilità all’intervento del Fondo di Garanzia.

La parola è stata quindi data dal Mise ai rappresentanti di Mediocredito che hanno esposto il risultato delle indagini che sono state condotte: il punto della questione per quanto riguarda l’intervento del Fondo di Garanzia non è l’applicazione delle specifiche disposizioni previste dall’art. 67 della L.F. al fine della non applicazione della revocatoria fallimentare, quanto il possibile elemento fattuale dello squilibrio economico-finanziario dell’impresa che emerge dalla definizione di “imprese in difficoltà” ai sensi dell’art. 2, paragrafo 18, del Reg. UE 651/2014. Infatti  a seguito dell’approfondimento del suddetto regolamento è emerso che l’impresa “Stampi Group srl” non possiede i requisiti soggettivi di ammissibilità all’intervento del Fondo di Garanzia.

Sono quindi state indicate delle alternative percorribili per tentare di accedere al sostegno del Fondo:

  • si potrebbe tentare un accesso al Fondo tramite Mana Srl ma, dato che la stessa risulta attualmente inadempiente per operazioni già garantite dal Fondo di Garanzia, l’unica possibilità per accedere ad altre garanzie per Mana sarebbe di tornare in bonis saldando il suo debito
  • la seconda alternativa è che venga costituita una Newco che abbia come programma di investimento l’acquisizione della linea di produzione di Stampi Group che sarebbe poi utilizzata su commesse della Stampi Group (in questo caso la Newco dovrebbe però poter disporre di mezzi propri pari almeno al 25% del programma di investimento)

Al termine dell’intervento dei rappresentanti di Mediocredito le OOSS hanno chiesto alla Società Stampi Group di firmare con urgenza l’istanza di cassa integrazione affinché venga concessa la Cassa in Deroga dal 12 Ottobre fino al 31 Dicembre 2016,  anche a seguito dell’accordo firmato in regione dal Dott. Turchetto.

A seguito di quanto esposto e delle richieste delle OOSS, sia i rappresentanti di Stampi Group che il Dott. Castano hanno tentato di mettersi in contatto telefonico con il Dott. Turchetto ma senza esito positivo.

La riunione si è conclusa con l’accordo che i rappresentanti di Stampi Group riporteranno al Dott. Turchetto quanto emerso durante la riunione.
La Stampi Group comunicherà entro la giornata domani (dato anche che in data 2 Dicembre 2016 si svolgerà l’udienza per l’istanza di fallimento di Stampi Group) al Mise la propria posizione in merito:

  • alle possibilità delineate per proseguire l’attività
  • alla propria disponibilità a procedere con l’istanza di Cassa integrazione

 




Questa pagina ti è stata utile?

NO