Imprenditoria femminile, presentata la sezione speciale del Fondo di Garanzia

Venerdì, 17 Gennaio 2014

Immagine decorativa20 milioni di partenza (metà per starup) che possono attivare finanziamenti fino a 400.

“Non è solo un interesse sociale che ci muove, ma è un interesse economico. Riteniamo infatti che anche così si possa contribuire a contrastare l’ormai lunga crisi e il credit crunch che l’accompagna”. E’ quanto affermato dal Sottosegretario al Mise Claudio De Vincenti, durante la conferenza stampa di presentazione della sezione speciale del Fondo di Garanzia per le PMI dedicata all’imprenditoria femminile.

Tale sezione speciale- che è stata promossa dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio in raccordo con il Ministero dello Sviluppo Economico che gestisce il Fondo- parte con una dotazione complessiva di 20 milioni di euro (10 messi a disposizione dal Mise, 10 dal Dipartimento per le Pari Opportunità).

In sintesi, si tratta di uno strumento di politica industriale dedicato alle donne che fanno impresa e che, statisticamente, trovano ostacoli  maggiori rispetto agli uomini nel reperimento di risorse. “L’imprenditoria femminile- ha osservato la Vice Ministro al Lavoro con delega alle pari opportunità Maria Cecilia Guerra -  è in continuo aumento” e tuttavia non riesce a trovare sostegni adeguati.

I venti milioni di partenza (metà dei quali sono destinati a startup femminili) possono- secondo una stima Mise- attivare finanziamenti ulteriori per circa 400 milioni. 

Per maggiori informazioni




Questa pagina ti è stata utile?

NO