Presentato il Rapporto "Imprese e diritti umani"

Mercoledì, 13 Novembre 2013

De Vincenti: favorire condotta responsabile delle aziende.

Presentato alla Camera dei Deputati il Rapporto “Imprese e diritti umani: il caso Italia” realizzato dalla Scuola Superiore Sant’Anna, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico.

L’indagine ha la finalità di esaminare  la corrispondenza tra il quadro normativo italiano e i Principi Guida delle Nazioni Unite sulla tutela dei diritti umani nelle imprese e di favorire misure che promuovano politiche di salvaguardia per i lavoratori.

L’incontro ha visto la partecipazione e gli interventi del Vice Ministro degli Esteri Lapo Pistelli, del Sottosegretario dello Sviluppo Economico Claudio De Vincenti, del Presidente dell’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici Sergio Santoro e del Direttore della Scuola  Superiore  Sant’Anna Marco Frey.

“Siamo fortemente convinti – ha dichiarato De Vincenti – che occorre favorire e sostenere la promozione della condotta responsabile delle imprese nel quadro più ampio della politica industriale. L’impresa ha certamente la responsabilità di non generare impatti negativi sui diritti umani e così facendo non soltanto persegue una finalità sociale ma riduce i rischi e i costi derivanti da comportamenti irresponsabili quali gli incidenti sul lavoro, inquinamento ambientale, lavoro minorile”.

Un ruolo importante nella tutela dei diritti umani lo svolge il Mise, dove ha sede Il Punto di Contatto Nazionale per l’attuazione delle Linee Guida dell’Ocse per le imprese multinazionali, il cui testo riprende i lavori dell’Onu.

Il Governo ha inoltre in fase di predisposizione, su invito della Commissione europea agli Stati membri, un Piano d’Azione nazionale sul tema “imprese e diritti umani” sotto il coordinamento del Ministero degli Esteri.

Documenti:

 



Questa pagina ti è stata utile?

NO