Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Privacy Policy
Governo italiano

Un ottimo risultato per lo sviluppo dell’azienda e la lotta al precariato

Immagine decorativa

 

Si è svolto oggi al Ministero dello Sviluppo Economico il tavolo istituzionale inerente la situazione dell’azienda Flex - stabilimento di Trieste -, a cui hanno partecipato i rappresentanti dell'azienda, le rappresentanze sindacali, dei lavoratori e quelli della Regione Friuli Venezia Giulia. Un tavolo che si è concluso con l’ottimo risultato della trasformazione dei contratti di somministrazione in contratti a tempo indeterminato e staff leasing.

Nel corso dell’incontro, presieduto dal Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial, si sono affrontate le tematiche riguardanti la prosecuzione degli impegni sottoscritti in sede ministeriale, lo sviluppo delle attività dello stabilimento e la situazione dei lavoratori precari. In particolar modo si è discusso sui livelli occupazionali riguardanti i contratti di somministrazione.

Al seguito delle interlocuzioni, l’azienda ha presentato i differenti scenari in cui si sta muovendo per quanto riguarda le attività produttive e il consolidamento dei propri clienti, nonché le potenzialità dei vari mercati. In tal senso ha ribadito gli sforzi di sviluppo.

Per quanto concerne l’attuale numero di dipendenti - ovvero 405 lavoratori a tempo indeterminato e 227 su somministrazione - l’azienda si è impegnata a convertire a tempo indeterminato i contratti di somministrazione di 100 lavoratori e in staff leasing altri 127 lavoratori. Un miglioramento ottenuto grazie ad un importante lavoro istituzionale.

L’azienda e i sindacati proseguiranno le interlocuzioni inerenti lo sviluppo delle attività dello stabilimento in sede aziendale, con la disponibilità del Ministero a mantenere il ruolo di monitoraggio e la possibilità di riattivare il tavolo a seguito della richiesta delle parti.

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"