Obblighi in materia di dovere di diligenza nella catena di approvvigionamento di minerali per gli importatori dell’Unione europea

Giovedì, 18 Febbraio 2021

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo che reca la disciplina per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2017/821 del Parlamento europeo e del Consiglio Ue del 17 maggio 2017, che stabilisce obblighi in materia di dovere di diligenza nella catena di approvvigionamento per gli importatori della Ue di stagno, tantalio e tungsteno, dei loro minerali, e di oro, originari di zone di conflitto o ad altro rischio.

Il decreto legislativo designa il Ministero dello Sviluppo economico quale Autorità nazionale competente per l’applicazione effettiva ed uniforme del regolamento e ne definisce le azioni necessarie a tale adempimento.

Gli obblighi di dovuta diligenza si applicano a decorrere dal 1° gennaio 2021 agli importatori della Ue che rientrano nel campo di applicazione dello regolamento: essi saranno soggetti, da parte dell’Autorità, a controlli ex post sul rispetto di tali obblighi e, qualora siano verificate infrazioni al regolamento, l’Autorità prescrive misure correttive ed, in caso di accertata inottemperanza a tali prescrizioni, la stessa irroga sanzioni amministrative.

 

Per maggiori informazioni

  • Decreto (Gazzetta Ufficiale n. 39 del 16/02/2021)

 



Questa pagina ti è stata utile?

NO