Zona Franca Urbana Genova

Avviso

Con circolare direttoriale 20 maggio 2019, n. 202506 in risposta alle richieste pervenute dal territorio e al fine di consentire il più ampio accesso alle agevolazioni fiscali e contributive per la zona franca urbana di Genova, il termine per la presentazione delle istanze di agevolazione è stato prorogato alle ore 12:00 del 20 giugno 2019.

 

A chi è rivolta la misura

L’intervento prevede la concessione di agevolazioni sotto forma di esenzioni fiscali e contributive in favore di imprese e titolari di reddito di lavoro autonomo (questi ultimi esclusivamente per quanto attiene l’esonero contributivo) che svolgono la propria attività o che la avviano entro il 31 dicembre 2019 nella ZFU di Genova.

Per la concessione delle agevolazioni sono disponibili, al netto degli oneri per la gestione degli interventi:

  • euro 9.900.000,00 per il 2018
  • euro 49.500.000,00 per il 2019
  • euro 49.500.000,00 per il 2020.

 

Perimetro della zona franca urbana

La zona franca urbana, così come perimetrata dal Commissario delegato per l'emergenza, di concerto con la Regione Liguria e con il Comune di Genova, comprende i comuni di Campomorone, Ceranesi, Mignanego, Sant’Olcese e Serra Riccò, nonché i Municipi Valpolcevera, Centro Ovest, Centro Est, Medio Ponente e Ponente del Comune di Genova.

 

Presentazione delle domande

I criteri di accesso, le modalità e i termini di presentazione delle domande sono riportati nella predetta circolare ministeriale. In allegato alla stessa, sono altresì riportati i modelli di istanza, di attestazione del requisito di ubicazione dell’attività all'interno della zona franca urbana e di dichiarazione di avvio attività.

Le domande di accesso alle agevolazioni potranno essere presentate esclusivamente tramite procedura informatica all'indirizzo http://agevolazionidgiai.invitalia.it dalle ore 12:00 del 16 aprile 2019.

Per i soggetti amministrati da una o più persone giuridiche o enti diversi dalle persone fisiche, nonché, gli studi professionali e le associazioni tra professionisti, l’accesso alla procedura informatica può avvenire solo previo accreditamento degli stessi e previa verifica dei poteri di firma del legale rappresentante, secondo le modalità ed entro i termini indicati riportati nella sezione “Procedura di accreditamento”.

 Con circolare direttoriale 20 maggio 2019, n. 202506 il termine per la presentazione delle istanze di agevolazione è stato prorogato alle ore 12:00 del 20 giugno 2019.

 

Procedura di accreditamento

I soggetti proponenti amministrati da una o più persone giuridiche o enti diversi dalle persone fisiche, nonché gli studi professionali e le associazioni tra professionisti, ai fini dell’accreditamento alla procedura informatica per la presentazione della domanda di accesso alle agevolazioni, devono inviare il presente modulo, opportunamente compilato e firmato digitalmente entro le ore 10:00 del 12 giugno 2019, inviando una PEC all’indirizzo zfu@pec.mise.gov.it 

Per i soggetti proponenti amministrati da una o più persone giuridiche o enti diversi dalle persone fisiche il modulo da compilare è il seguente:

Per gli studi professionali e le associazioni tra professionisti il modulo da compilare è il seguente:

Nell’inoltro del modulo, si invita ad inserire come oggetto della PEC il seguente testo: “ZFU di Genova - Richiesta di accreditamento alla procedura informatica” seguito dal codice fiscale del soggetto istante e dalla sua denominazione.

 

Normativa

 

Informazioni e contatti

  Leggi le risposte alle domande frequenti (FAQ)

Direzione generale per gli incentivi alle imprese
Divisione X - Interventi per il sostegno all’internazionalizzazione e all’innovazione delle imprese e per lo sviluppo di aree urbane
e-mail: info.zfu@mise.gov.it 

Esclusivamente per supporto tecnico alla compilazione dell'istanza di accesso alle agevolazioni:
e-mail zfu.istanzedgiai@mise.gov.it 
numero telefono: 06 64892998

Esclusivamente per supporto tecnico nelle operazioni tramite il portale Attuazione Misure DGIAI: 
e-mail supporto.attuazionedgiai@mise.gov.it 

Alle richieste di chiarimenti pervenute viene data risposta cumulativa con lista di FAQ (domande frequenti).

Attenzione: al fine di assicurare agli utenti la ricezione delle risposte ai quesiti, si prega di inviare le richieste tramite mail e di evitare l’utilizzo di PEC.

Ultimo aggiornamento: 21 maggio 2019

 

 




Questa pagina ti è stata utile?

NO