Progetto Interreg Europe SMEPlus: Migliorare gli strumenti di policy per aumentare l'efficienza energetica nelle PMI

Immagine decorativa

Sintesi del progetto

Il progetto SMEPlus, finanziato dal programma Interreg Europe, punta ad aumentare l'efficienza energetica nelle PMI. Le Regioni partner confronteranno e ripenseranno le loro politiche energetiche, si metteranno in contatto con importanti stakeholder, scambieranno soluzioni e miglioreranno i loro strumenti nei confronti delle PMI. Le PMI infatti, rappresentano il 95% delle aziende, il loro impatto sulle economie è immenso.

Il Ministero dello Sviluppo Economico contribuisce al progetto con il Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 (PON IC). In particolare con il suo asse 4 che si rivolge al solo Mezzogiorno, e prevede una specifica Azione, "4.2.1" con una dotazione finanziaria di 153 milioni di euro, che punta a stimolare l’efficienza energetica e la riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti da parte delle imprese e delle aree produttive.

Il Parlamento europeo ha fissato l'obiettivo vincolante di aumentare, di un minimo del 32,5%, l'efficienza energetica entro il 2030 rispetto al livello del 2005, in tutti gli Stati membri. Pertanto, i partner del progetto stanno condividendo le loro buone pratiche per trovare le migliori soluzioni per contribuire al raggiungimento dell'obiettivo fissato. Impegnarsi in discussioni e scambi di esperienze con gli attori rilevanti è il modo migliore per trovare soluzioni per aumentare il coinvolgimento delle PMI nel miglioramento dell'efficienza energetica. Gli ostacoli comuni da superare nelle Regioni sono lo scarso interesse delle PMI che partecipano a Programmi di efficienza energetica, nonché il basso numero proprio di Programmi dedicati all’efficienza energetica delle PMI.

I partner di SMEPlus identificheranno i principali stakeholder coinvolti nell'efficienza energetica delle PMI. Per poter utilizzare la loro esperienza, le loro competenze e le loro reti, si svolgeranno una serie di incontri regionali con gli stakeholder.

I partner di progetto punteranno a:

  1. migliorare le politiche energetiche scambiando e confrontando gli strumenti di policy regionale nelle otto regioni;
  2. sviluppare congiuntamente piani d'azione di policy regionale a sostegno dell'attuazione di programmi di efficienza energetica e quindi sfruttare il potenziale nel settore delle PMI;
  3. scambiare informazioni ed esperienze, aiutando così le parti interessate a sostenere i piani d'azione regionali per il superamento delle barriere.

 Pertanto, le nostre azioni hanno l’obiettivo di:

  1. aumentare l'interesse delle PMI a partecipare ai programmi di efficienza energetica;
  2. sostenere l'avvio di efficaci programmi e strumenti dedicati efficienza energetica per le PMI;
  3. contribuire a integrare le misure di politica energetica di altri settori nel settore delle PMI.

I piani d'azione regionali sviluppati congiuntamente influenzeranno anche le politiche per il prossimo periodo di Programmazione 2021-2027.

Novità 2021

Il Piano di Azione presentato dal MiSE DGIAI è stato approvato a dicembre 2021 dal Joint Secretariat (JS) senza richieste di modifica o integrazioni. Il Piano italiano è stato utilizzato dal partenariato transnazionale quale benchmark per la riscrittura dei Piani per i quali sono state avanzate richieste di revisione.

Nell’ambito dei progetti Interreg Europe, nei Piani di azione sono pianificate le attività per ogni Paese partner che porteranno all’attuazione del nuovo strumento di policy così come previsto nella Fase 2 del progetto e sono la risultanza delle attività di:

  • revisione degli strumenti di policy delle Autorità coinvolte
  • integrazione delle buone prassi individuate tra quelle dei partner durante il progetto
  • condivisione con gli stakeholder nazionali.

Per l’Italia il MiSE ha lavorato per identificare le buone prassi tra quelle presentate dai partner esteri, da inserire nel nuovo strumento di policy, a stretto contatto con Confindustria, CNA, CNA Campania e Confartigianato Imprese, stakeholder nazionali del progetto, quali rappresentanti del settore imprenditoriale in Italia, con una costante attività di raccordo con tutti i partner del progetto, che si sono incontrati a Roma lo scorso ottobre (Study Visit, Roma, 27-29 ottobre 2021).

La Fase 2 del progetto, dal 1° febbraio 2022 al 31 gennaio 2023, darà attuazione a quanto descritto nel Piano di Azione, che sarà valutato come previsto sulla base di dati di monitoraggio e indicatori di performance della misura saranno comunicati al JS di Interreg Europe.

 

News

 

Vedi anche

 

Ultimo aggiornamento: 22 dicembre 2021




Questa pagina ti è stata utile?

NO