Verbale di Riunione Baritech Operations S.r.l. (18 giugno 2020)

Venerdì, 26 Giugno 2020

Documento Verbale di Riunione
Azienda Baritech Operations S.r.l.
Numero dipendenti 172
Data 18 giugno 2020

Il 18 giugno 2020 si è tenuta la conference video/call convocata dal Ministero dello Sviluppo Economico avente ad oggetto la situazione della società Baritech. Hanno partecipato all’incontro Chiara Cherubini del Ministero dello Sviluppo Economico, Elisabetta Biancolillo e Rocco Santochirico della Regione Puglia, Gerry van der Sluys, Stephan Raenmaekers, Erik Ryckalts e Vittorio Ferrero della società controllante Business Creations Investment, Vincenzo Di Biase e Francesco Cipriani della società Baritech Operations, assistiti da Giuseppe Bisceglie di Confindustria Bari, Serena Facello di Assovetro e Alessandro Ielo, Carlo Balzarini e Flavio Carboni di Vertus. Erano inoltre presenti le segreterie nazionali e territoriali di Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil e UGL Chimici, unitamente alle RSU.

In apertura di incontro la Dott.ssa Cherubini ha ricordato che il tavolo di confronto ministeriale era stato rinviato a causa dell’emergenza sanitaria che ha determinato la temporanea interruzione delle attività nello stabilimento di Bari. Le produzioni sono riprese e il tavolo è stato riconvocato per comunicare alcune importanti novità contingenti, con l’obiettivo di una successiva riconvocazione entro breve per la presentazione del piano industriale di medio lungo periodo. Ha quindi dato la parola ai rappresentati della proprietà per gli ultimi aggiornamenti.

Mr. Van der Sluys ha illustrato il piano di avvio agli inizi di luglio delle produzioni di “meltblown” un tessuto speciale in polipropilene che verrà impiegato come filtrante nella produzione di mascherine facciali. I macchinari sono già disponibili a Bari e le produzioni verranno avviate con l’ausilio di un gruppo di esperti. Sarà richiesto l’impiego in flessibilità di almeno 100 addetti di Baritech, la trasformazione a tempo pieno di contratti part-time e nuove assunzioni con una prospettiva di sviluppo occupazionale stabile per una produzione ininterrotta su più turni 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Sono previsti investimenti per circa 12 milioni per la produzione di meltblown, che nella attuale contingenza di emergenza sanitaria sarà destinato alla produzione di mascherine e successivamente potrebbe trovare altri impieghi per la produzione di materiale medico chirurgico.
Il progetto nasce con l’idea di far coesistere nello stabilimento di Bari la produzione di meltblown, sia con la produzione di lampade per Ledvance -- che continuerà anche il prossimo anno anche se a volumi ridotti -- sia con la produzione di lampade innovative Biovitae, il cui progetto è già stato avviato.

Le Organizzazioni Sindacali, auspicando per lo stabilimento di Bari un solido progetto di sviluppo durevole, hanno sottolineato l’esigenza di avere chiarimenti riguardo alla durata delle produzioni di meltblown e alla loro coesistenza con le altre produzioni già programmate, nonché riguardo alla relativa organizzazione del lavoro e alla formazione degli addetti. Hanno inoltre chiesto maggiore trasparenza e condivisione anticipata riguardo a tutti gli sviluppi del piano industriale, e la presentazione del piano industriale entro metà luglio.

La Dott.ssa Biancolillo ha confermato il supporto della Regione ai progetti di sviluppo di Baritech una volta che saranno dettagliati in un piano industriale. Ha inoltre confermato la disponibilità a supportare la formazione degli addetti con gli strumenti disponibili.
L’azienda ha confermato l’impegno a proseguire in sede locale il confronto circa l’organizzazione delle nuove produzioni, a mettersi in contatto con le istituzioni nei prossimi giorni e a presentare il piano industriale entro il mese di luglio.

La dott.ssa Cherubini ha concluso l’incontro auspicando che il nuovo progetto di produzione di meltblown possa costituire un progetto di sviluppo industriale ed occupazionale di lungo periodo per Biotech e chiedendo all’azienda di avviare il confronto in sede locale circa l’organizzazione dell’avvio delle attività. Ha confermato la disponibilità a successivi incontri tecnici con l’azienda e con la Regione per valutare l’eventuale supporto a progetti di investimento ed ha rinviato la riconvocazione del tavolo ministeriale a metà luglio per la presentazione del piano industriale.


Questa pagina ti è stata utile?

NO