Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Privacy Policy
Governo italiano

Domande e risposte per l’attuazione delle iniziative ammesse nell’ambito del Bando per la realizzazione di progetti pilota

 

  1. Quando è possibile presentare domanda di assegnazione dei contributi?

E’ possibile presentare domanda di assegnazione dei contributi dal 13 ottobre 2021 (quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Bando per la realizzazione di progetti pilota di cui al decreto direttoriale 30 luglio 2021, avvenuta il 28 settembre 2021) al 15 febbraio 2022.

  1. Un gruppo di imprese, una singola impresa o una persona fisica possono presentare domanda di assegnazione dei contributi a valere sul Bando per la realizzazione di progetti pilota di cui al decreto direttoriale del 30 luglio 2021?

No, la domanda di assegnazione di contributi (Art. 5 c. 1 del Bando in oggetto) può essere presentata solo ed esclusivamente da soggetti responsabili di Patti territoriali ancora operativi, come definiti dall'articolo 2, comma 203, lettera d), della legge 23 dicembre 1996, n. 662.

  1. Vi è possibilità per un soggetto responsabile di più di un patto di presentare più domande?

No, come disposto dal comma 3 dell’articolo 5 dal Bando per la realizzazione di progetti pilota di cui al decreto direttoriale del 30 luglio 2021, “ciascun soggetto responsabile può presentare una sola domanda di assegnazione dei contributi relativa ad un solo progetto pilota”.

  1. Un soggetto responsabile di più di un patto territoriale può presentare un progetto pilota che abbia quale area di riferimento l’insieme delle aree di riferimento dei diversi patti?

Premesso che ciascun soggetto responsabile può presentare una sola domanda di assegnazione dei contributi relativa ad un solo progetto pilota, il soggetto responsabile potrà individuare un progetto pilota che coinvolga l’area di riferimento di un singolo Patto territoriale o di più Patti territoriali.

  1. Cosa si intende per “Soggetti responsabili di Patti territoriali ancora operativi” (cfr. art. 5 del Decreto direttoriale del 30 luglio 2021)?

Il requisito dell’operatività è in capo al soggetto responsabile ed è oggetto di valutazione alla presentazione della domanda. Per soggetti responsabili di Patti territoriali ancora operativi si intendono quei Soggetti che continuano ad operare sui territori di competenza, promuovendo lo sviluppo sociale, economico e occupazionale attraverso la valorizzazione dei sistemi locali ad essi collegati, in sinergia con gli strumenti di pianificazione territoriale anche in relazione agli scopi istituzionali e alle attività svolte come soggetto competente.

  1. Per la presentazione della domanda di assegnazione di contributi a valere sul bando per la realizzazione di progetti pilota di cui al decreto direttoriale del 30 luglio 2021, può essere costituito un nuovo Patto territoriale?

No, non è consentita la costituzione di un nuovo Patto territoriale; la presentazione, da parte di un Soggetto responsabile, di un progetto pilota che coinvolga più Patti territoriali non determina la costituzione di un nuovo Patto (cfr. FAQ n. 3).

  1. È disponibile una lista di tutti i Patti territoriali? È disponibile una lista di Soggetti responsabili di Patti territoriali ancora operativi?

A livello nazionale non sono disponibili tali elenchi.

  1. I progetti pilota possono interessare un’area geografica più ampia rispetto all’area di riferimento del Patto territoriale originario?

L’area di riferimento del progetto pilota è quella dei soggetti sottoscrittori del Patto territoriale al momento della presentazione della domanda di assegnazione dei contributi nell’ambito del Bando per la realizzazione di progetti pilota di cui al decreto direttoriale 30 luglio 2021.

  1. La collaborazione strategica fra due progetti pilota che insistono su aree di riferimento di regioni diverse rileva ai fini della valutazione del requisito dell’interregionalità?

No, il requisito dell’interregionalità è ascrivibile alla area di riferimento del singolo progetto pilota.

  1. Con quale forma viene concesso il contributo dell’investimento?

I contributi del Bando per la realizzazione di progetti pilota di cui al decreto direttoriale del 30 luglio 2021, a favore di interventi imprenditoriali e/o pubblici, sono a fondo perduto (cfr. Capo II e Capo III del Bando).

  1. I progetti pilota devono prevedere un investimento minimo?

Il Bando per la realizzazione di progetti pilota di cui al decreto direttoriale del 30 luglio 2021 non prevede un investimento minimo.

  1. Per il soggetto beneficiario qual è la percentuale di contributo relativo ai costi totali ammissibili a finanziamento?

Non è prevista un’unica percentuale di contributo. Le percentuali massime di contributo per specifica tipologia di investimento sono indicate dal soggetto responsabile nelle proprie procedure di selezione ai sensi e nei limiti dei diversi regimi di aiuto applicabili (cfr. Capo II e III del Bando per la realizzazione di progetti pilota di cui al decreto direttoriale del 30 luglio 2021).

  1. Un gruppo di imprese, una singola impresa o una persona fisica possono presentare domanda di assegnazione dei contributi a valere sul Bando per la realizzazione di progetti pilota di cui al decreto direttoriale del 30 luglio 2021?

No, la domanda di assegnazione di contributi (Art. 5 c. 1 del Bando in oggetto) può essere presentata solo ed esclusivamente da soggetti responsabili di Patti territoriali ancora operativi, come definiti dall'articolo 2, comma 203, lettera d), della legge 23 dicembre 1996, n. 662.

Questa pagina ti è stata utile?

Non hai validato correttamente la casella "Non sono un robot"
Torna a inizio pagina