Hydrochem: firmato il passaggio di proprietà dello stabilimento di Pieve Vergonte

Venerdì, 29 Marzo 2019

Sorial: Passo importante per la reindustrializzazione del sito produttivo. Crippa: Chiusa una crisi che avrebbe danneggiato i lavoratori

 Immagine decorativa

Presso il MiSE si è tenuto ieri il tavolo di crisi della Hydrochem. Alla riunione, presieduta dal Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial e dal Sottosegretario Davide Crippa, hanno partecipato l’azienda, la Esseco (prossima proprietaria dello stabilimento), i rappresentanti degli enti locali e i sindacati.

L'azienda ha illustrato gli sviluppi della situazione del sito produttivo di Pieve Vergonte e le prossime tappe del processo di reindustrializzazione che porteranno alla installazione di nuovi impianti produttivi, alla riattivazione della ferrovia di servizio, all'utilizzo delle nuove tecnologie, con investimenti complessivi pari a 35 milioni di euro, e un importante potenziamento della produzione di cloro e di soda caustica entro il 2020.

Riguardo alla cessione dello stabilimento, si è arrivati ad una completa condivisione del testo del contratto di compravendita, che è stato firmato al termine della riunione tra Hydrochem ed Esseco.

"Abbiamo compiuto un passo importante per il futuro dello stabilimento di Pieve Vergonte - ha dichiarato il Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial. Si tratta di una premessa fondamentale per procedere con la reindustrializzazione del sito produttivo”.
"Ringrazio in modo particolare tutte le sigle sindacali coinvolte nella vicenda - ha dichiarato il Sottosegretario Davide Crippa. La loro azione tempestiva ha permesso al Ministero e a tutte le istituzioni coinvolte di agire e aprire in tempi rapidi il tavolo che oggi si è concluso. E’ stata così chiusa una crisi che avrebbe danneggiato i lavoratori".



Questa pagina ti è stata utile?

NO