Bekaert: al MiSE gli aggiornamenti sulla reindustrializzazione

Lunedì, 16 Dicembre 2019

La neo-costituita Cooperativa dei lavoratori consegna il piano industriale all’advisor 

Immagine decorativa

Si è svolto oggi al Ministero dello Sviluppo economico il tavolo di monitoraggio sulla Bekaert di Figline e Incisa Valdarno (FI). All’incontro, presieduto dalla Sottosegretaria Alessandra Todde e dal Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial, hanno preso parte la Sottosegretaria Alessia Morani, l’advisor Sernet S.p.A., i rappresentanti dell'azienda, gli enti locali e i sindacati.

Nel corso della riunione è stato fatto il punto sullo stato di avanzamento del processo di reindustrializzazione del sito. La Sernet ha illustrato il quadro aggiornato della manifestazione di interesse presentata da Trafilerie Meridionali, per la quale sono in corso verifiche tecniche, a cui seguirà una più approfondita due diligence industriale e finanziaria. Ad essa si aggiunge il piano industriale della neo-costituita Cooperativa di lavoratori della Bekaert, consegnato oggi all’advisor.
È stato inoltre puntualizzato che, rispetto al precedente incontro, sono stati fatti passi avanti decisivi nel percorso di reinserimento lavorativo dell’intero perimetro di lavoratori. Rimane comunque ancora necessario il sostegno degli ammortizzatori sociali, per i quali sono in corso le procedure per la proroga di ulteriori sei mesi della Cigs.

La Sottosegretaria Todde ha evidenziato che, “in attesa di ricevere le valutazioni dell’advisor sui Piani industriali discussi oggi e sulla solidità dei potenziali investitori, è importante sottolineare come il MiSE stia portando avanti gli impegni presi con i lavoratori sia attraverso la proroga della cassa integrazione sia impegnandosi nel monitoraggio dell’attuazione dei Piani Industriali”.

Il Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial ha sottolineato che “nei prossimi passaggi verrà esaminata la solidità dei due piani industriali presentati, in modo da verificare se effettivamente i numeri indicati abbiano una loro sostenibilità dal punto di vista dell’assorbimento occupazionale e produttivo. A tal riguardo, sarà opportuno anche valutare qualsiasi possibilità di integrazione tra i vari progetti presentati. Confermiamo inoltre la disponibilità delle istituzioni, nazionali e locali, a verificare tutti gli strumenti utili alla reindustrializzazione e alla continuità produttiva e occupazionale del sito toscano della Bekaert. L’obiettivo rimane quello di garantire la massima tutela dei lavoratori.” 



Questa pagina ti è stata utile?

NO