Startup Visa: l’Italia apre le porte all’innovazione

Lunedì, 28 Ottobre 2019

A settembre 2019 superata quota 470 candidature

Immagine decorativa

È online il nuovo rapporto trimestrale di monitoraggio dedicato al programma Italia Startup Visa (ISV), schema di migrant entrepreneurship curato dal Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con i Ministeri degli Esteri e dell’Interno, per potenziare l’ecosistema nazionale dell’innovazione.

Attivo dal 2014, ISV prevede una procedura di concessione del visto per lavoro autonomo semplificata, digitale e bilingue a beneficio dei cittadini non UE che intendono avviare, individualmente o in team, un’impresa innovativa in Italia.

Le candidature sono valutate da un Comitato di esperti, presieduto dal Direttore Generale per la Politica Industriale del MISE. È composto dai presidenti di cinque organizzazioni chiave dell’ecosistema nazionale dell’innovazione: PNICube per gli incubatori universitari, IBAN per i business angel, AIFI per i fondi di venture capital, APSTI per i parchi scientifici e tecnologici, NetVal per gli uffici di trasferimento tecnologico.

Al 30 settembre 2019 si registrano 471 candidature, provenienti da 49 Paesi, con un tasso di approvazione del 51,2%. La Russia continua a guidare la classifica dei Paesi più rappresentati, in termini sia di domande pervenute (101) che approvate (73).

La lista aggiornata dei progetti imprenditoriali avviati grazie al programma ISV è disponibile nella sezione “Startup create” del rapporto, pubblicato, come di consueto, sia in italiano che in inglese.

 

Per maggiori informazioni


Questa pagina ti è stata utile?

NO