Firma del Protocollo d’intesa sui Call Center

Giovedì, 04 Maggio 2017

Sostenere il libero mercato non significa cancellare la protezione del lavoro mentre si accompagna l'innovazione.

Firmato dagli operatori a Palazzo Chigi, con il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il Ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, il Protocollo che definisce le buone pratiche sociali e commerciali per gestire i servizi di contatto con la propria clientela, in via diretta o indiretta.

In particolare, il protocollo, di durata 18 mesi e soggetto a verifica annuale, impegna le 13 aziende firmatarie a limitare la delocalizzazione "fissando - lo sottolinea Calenda come primo caso in Europa- all' 80% la soglia dei servizi erogati in Italia"  prevedendo anche che "il 95% delle attività svolte in via diretta sia effettuato in Italia entro sei mesi dalla  stipula e che per i nuovi contratti almeno l'80% dei volumi in outsorcing sia effettuato sul territorio italiano".

Il Ministro sottolinea anche che il Protocollo "impegna i fornitori a garantire l'applicazione di strumenti di tutela dei lavoratori".

Calenda conclude: "E' un segno di grande responsabilità sociale che si e' dato a un settore che ha attraversato difficoltà enormi, che occupa 80mila persone ed e' molto esposto, piu' di altri, alla delocalizzazione". 


Presentazione del Protocollo
(pdf)

foto: T.Barchielli, Palazzo Chigi


Guarda il video della cerimonia (sito Presidenza del Consiglio dei Ministri)



Questa pagina ti è stata utile?

NO