Alcoa, definiti al Mise tempi e modalità del confronto con Klesch

Governo annuncia secondo anno GIG, a gennaio il punto sulla cessione

Roma, 19 dicembre 2013 - Definiti il percorso e le modalità operative per il riavvio del confronto Alcoa-Klesch per la cessione dello smelter di Portovesme. E’ quanto emerso oggi al Ministero dello Sviluppo Economico nel corso di una riunione - presieduta dal Sottosegretario Claudio De Vincenti - alla quale hanno preso parte l’assessore all’Industria della Regione Sardegna Antonello Liori, il management di Alcoa e le organizzazioni sindacali a livello nazionale, territoriale e aziendale.

Al tavolo è stata apprezzata la ripartenza della trattativa tra le due aziende sulla base della convergenza su un sistema di garanzie condivise circa modalità di pagamento e valutazioni del piano industriale.

Per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali, il Governo ha annunciato il via libera all’ utilizzo del secondo anno di cassa integrazione  per i lavoratori di Alcoa.

Nel corso della riunione è stata inoltre affrontata anche la situazione relativa ai lavoratori dell’indotto. La Regione Sardegna ha confermato l’impegno a garantire la CIG in deroga appena la Conferenza delle Regioni  ripartirà i fondi stanziati dal governo nella Legge di Stabilità. E’ stato anche  illustrato dal rappresentante della Regione lo stato di avanzamento delle procedure per la realizzazione delle opere infrastrutturali previste dal Piano Sulcis.

Alla luce di questi impegni, Governo e Regione Sardegna hanno invitato le aziende dell’indotto Alcoa a procedere con il ricorso alla cassa integrazione in deroga.

E’ stato infine annunciato che entro fine gennaio si terrà il prossimo incontro per fare il punto sul negoziato per la cessione del sito di Portovesme.



Questa pagina ti è stata utile?

NO