Startup innovative, la torinese Intoino vince ad Istanbul

Roma, 8 novembre 2013 - La startup torinese Intoino (www.intoino.com) si è aggiudicata la Global Startup Challenge al Webit Congress 2013 (Istanbul, 6-7 novembre), prestigioso evento internazionale che mira a promuovere, sostenere e connettere i mercati digital, tech e telco dell’area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa).

Al Webit Congress,  l’ICE - Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane con il sostegno del Ministero dello Sviluppo Economico ha organizzato una collettiva italiana alla quale Intoino ha partecipato con altre 9 startup (Alleantia, Besharp, Ekuota, ModeFinance, Ro Technology, Uimbo, Vividaweb, Wanderio, Youmove.me). Si tratta della prima  iniziativa di promozione all’estero di startup innovative italiane promossa in modo coordinato e massiccio dalle due istituzioni governative per dare concreta applicazione a quanto previsto nel Decreto Crescita Bis del dicembre 2012.

Nel corso della competizione, Intoino ha superato la concorrenza di oltre 800 startup provenienti da tutto il mondo. Nata nel 2012 a Startup Weekend Torino e ora incubata presso TreataBit, l’incubatore di imprese innovative del Politecnico di Torino (www.i3p.it), Intoino è una giovane realtà imprenditoriale basata sul mercato dell’innovazione fai da te o “maker movement”.

La startup ha sviluppato un kit  “tipo Lego” con il quale si possono costruire dispositivi elettronici intelligenti e connessi a Internet (Internet delle cose), senza conoscere l’elettronica o l’informatica. Per esempio è possibile costruire un sistema che irriga automaticamente le piante mentre si è in vacanza o un dispositivo che avvisa sullo smartphone se una porta si apre.

Nonostante tra gli oltre 8.000 partecipanti al Webit ci fossero rappresentanti di oltre 100 Paesi, la compagine italiana era l'unica rappresentanza nazionale organizzata in modo strutturato con un proprio reparto riservato. L’Agenzia ICE di Istanbul ha divulgato la presenza delle startup italiane presso banche italiane e turche, nonché società di venture  capital e business angel.


Questa pagina ti è stata utile?

NO