Piombino, confronto al Mise sulle prospettive della Lucchini

Accordo di programma, il 4 ottobre avvio della fase operativa

Roma, 2 ottobre 2013 - Riunione al Ministero dello Sviluppo Economico, oggi, per valutare la situazione dell’area industriale di Piombino.

L’incontro - al quale erano presenti il Sottosegretario Claudio De Vincenti, il Sindaco Gianni Anselmi, l’Assessore regionale alle Attività Produttive Gianfranco Simoncini, il Presidente della Provincia di Livorno Giorgio Kutufà - è servito a concordare l’avvio di un percorso di verifica degli strumenti di incentivazione che, nel rispetto della normativa europea, possano configurare- insieme con il potenziamento infrastrutturale previsto dall’Accordo di Programma siglato nell’agosto scorso - una rinnovata attrattività del territorio per lo sviluppo di nuove attività produttive.

Con riferimento alla situazione del siderurgico Lucchini, si è poi fatto il punto sull’iter di individuazione di possibili nuovi acquirenti.

Da parte del Mise, è stato inoltre riconfermato l’impegno a sostenere in sede europea un progetto di innovazione basato sulla tecnologia Corex e a verificare la possibilità di utilizzo, allo scopo, di fondi comunitari.

Tale progetto potrebbe rappresentare, insieme con la realizzazione di un forno elettrico, una opportunità di ripartenza del siderurgico, in funzione di adeguate prospettive produttive e occupazionali.

A fronte della richiesta delle Istituzioni locali di garantire il massimo utilizzo temporale dell’altoforno, il Ministero dello Sviluppo Economico verificherà con il Commissario le concrete possibilità.

Governo e Istituzioni locali torneranno ad incontrarsi venerdì prossimo, 4 ottobre, per avviare la fase operativa dell’Accordo di Programma.
Su questo insieme di problemi è prevista la convocazione, entro ottobre, del Tavolo di confronto presso il Mise.



Questa pagina ti è stata utile?

NO