Presentazione del Rapporto OCSE La Nuova Rivoluzione industriale: implicazioni per i governi e per le imprese

Mercoledì, 10 Maggio 2017

Quale impatto avranno le nuove tecnologie sul mercato del lavoro? Come incideranno sulla produzione e che conseguenze subiranno settori fondamentali quali l’ambiente, il benessere, il commercio e la distribuzione del reddito? Sono questi i principali quesiti affrontati dal Rapporto Ocse “La Nuova Rivoluzione industriale: implicazioni per i governi e per le imprese ”, presentato oggi al Ministero dello Sviluppo economico, nell’ambito della Presidenza Italiana del G7. Ai lavori, aperti dal Viceministro dello Sviluppo Economico Teresa Bellanova, sono intervenuti Gabriela Ramos, Capo di Gabinetto del Segretario Generale dell'OCSE e Sherpa al G20, Raffaele Trombetta, Sherpa del Primo Ministro italiano in ambito G7 e G20, Andy Wyckoff - Direttore Scienze, Tecnologie e Innovazione dell’OCSE e Stefano Firpo, Direttore generale per la Politica Industriale, la Competitività e le PMI del Ministero dello Sviluppo Economico.

Nel dettaglio il Rapporto -  suddiviso in 12 capitoli -  analizza diversi temi, quali:

  • il modo in cui le aziende dovranno adeguarsi allo sviluppo tecnologico che trasformerà tutti i comparti produttivi;
  • L’impatto delle nuove tecnologie  sulla disponibilità e sulla natura  dei posti di lavoro;
  • la necessità che i leader politici monitorino e gestiscano attentamente il processo di adeguamento, adottando adeguate politiche a lungo termine, sia sul fronte della mobilità del lavoro che sulla formazione e l’acquisizione di nuove competenze;
  • l’importanza di diffondere informazioni chiare e trasparenti sulle nuove tecnologie, di riconoscere le eventuali criticità che possono generare squilibri e di favorire un clima di comprensione tra istituzioni, comunità scientifiche e società.

Valorizzando la proficua collaborazione in atto, il Rapporto OCSE esplora alcuni dei principali argomenti che i Governi dei Paesi G7 affronteranno sia nel corso del Vertice di Taormina che durante la settimana dell’Innovazione a Torino. La Presidenza Italiana del G7 mira infatti a promuovere, di concerto con gli altri Paesi, un approccio olistico in materia di: innovazione produttiva, formazione, valorizzazione della ricerca scientifica, adeguamento delle politiche per il lavoro e per la protezione sociale, nonché diffusione di infrastrutture di qualità in grado di rafforzare l’accesso di persone, aziende e ricercatori alla Nuova Rivoluzione Industriale. Tutti temi destinati ad avere un impatto concreto sia in ambito nazionale che sul versante internazionale, con l’obiettivo di promuovere una trasformazione tecnologica delle nostre realtà produttive che ponga le “persone al centro”.

 

 


Questa pagina ti è stata utile?

NO