Verbale di incontro - Corneliani (3 aprile 2021)

Documento: Verbale di incontro
Azienda: Corneliani S.r.l.
Settore: Moda e abbigliamento
Numero dipendenti: 480
Data: 3 aprile 2021

In data 3 aprile 2021 presso il Ministero dello Sviluppo Economico in video conference si è tenuto l’incontro avente ad oggetto la situazione dell’azienda Corneliani. L’incontro era presieduto da Pamela Morassi Capo della Segreteria Tecnica del Ministro del Sviluppo Economico; per il Ministero dello Sviluppo Economico hanno partecipato Chiara Cherubini, Stefano D’Addona e Francesca Borea della Divisione XI Crisi di Impresa. Hanno altresì partecipato per la Regione Lombardia Carlo Bianchessi Dirigente Agenzia Regionale Istruzione, Formazione e Lavoro; il Sindaco di Mantova Mattia Palazzi; il Commissario Giudiziale Luca Gasparini; in rappresentanza di Investcorp, Paolo Montironi, socio di maggioranza, Ernesto Somma di Invitalia e per la Società Corneliani Giorgio Brandazza A.D. e Maurizio Arsti responsabile HR, assistiti da Adelio Riva. Sono intervenute le Segreterie Nazionali e Territoriali di CGIL e CISL, FEMCA-CISL, FILCTEM-CGIL e UILTEC-UIL, unitamente alle Rsu.

La Dott.ssa Cherubini ha aperto il tavolo per l’illustrazione dei contenuti del Piano Industriale, come richiesto dalle Organizzazioni Sindacali nel precedente incontro, dando la parola all’AD dell’azienda.

Il Dott. Brandazza ha descritto il Piano industriale 2021-2024. La costituenda NewCo, avrà nel CdA tre rappresentanti di Investcorp e due di Invitalia. Alla NewCo non transiteranno i rami di azienda non strategici, o le attività non ritenute funzionali al progetto di rilancio, tra questi i negozi diretti full price italiani ed esteri e la partecipazione alla società Egotex in Slovacchia. A fronte del cambiamento della domanda globale degli ultimi anni e della ulteriore contrazione dei volumi causata dall’emergenza sanitaria, verranno introdotte di prodotto e nella strategia commerciale, finalizzate al riposizionamento di parte delle produzioni verso alcune tipologie di prodotti più richieste dal mercato, senza svalutare l’immagine del marchio Corneliani e la qualità dei suoi prodotti. Il processo di ristrutturazione sarà finalizzato all’incremento dei margini per il salvataggio aziendale e la riorganizzazione della forza lavoro interesserà principalmente le manifatture estere.

Le OO.SS. hanno sottolineato l’importanza della salvaguardia della qualità e dell’immagine del marchio Corneliani -- collocato tradizionalmente nel settore più formale -- di cui bisognerà necessariamente tenere conto nel processo di ristrutturazione, tutelando e non svalutando il know how e le produzioni mantovane, specializzate nelle produzioni formali. Hanno inoltre chiesto che non ci siano spostamenti di macchinari dal sito di Mantova al sito manifatturiero della Romania e che si dia contezza di investimenti per il sito di Mantova e anche per la formazione delle risorse.

Il Dott. Bianchessi della Regione Lombardia ha affermato che il Piano Industriale illustrato offre rassicurazioni riguardo alla centralità dello stabilimento di Mantova e conferma che non ci saranno delocalizzazioni all’estero delle attività. Ha confermato la massima disponibilità della Regione Lombardia a supportarne il percorso anche attivando gli strumenti per la formazione degli addetti e di politiche attive.

Il Sindaco di Mantova, auspicando il mantenimento della centralità dello stabilimento di Mantova e la messa in sicurezza della forza lavoro, ha evidenziato la necessità di costruire un percorso congiunto e condiviso che fornisca la base per gestire le successive fasi nei prossimi mesi.

Il Prof. Somma ha sottolineato che bisogna salvaguardare le caratteristiche distintive del marchio anche nell’ottica di modificare il posizionamento sul mercato per adeguarlo alle nuove richieste della clientela, ha inoltre precisato che, se ci sarà una crescita delle produzioni in futuro riguarderà il sito di Mantova e che non ci saranno delocalizzazioni all’estero.

L’Avv. Montironi e il dott. Gasparini, ricordando l’estrema urgenza visti i tempi ristretti, hanno invitato le parti a raggiungere un Accordo iniziando da subito il confronto.

L’Avv. Riva ha precisato che la società farà istanza di CIGO per causale Covid per i prossimi mesi. Riguardo all’Accordo si è reso disponibile ad iniziare il confronto con le Organizzazioni Sindacali già da lunedi 5 aprile.

Le OO.SS. si sono dette disponibili ad iniziare il confronto nella mattinata di lunedì.

La Dott.ssa Morassi ha chiuso l’incontro confermando la disponibilità del Ministero dello Sviluppo Economico ad ospitare il confronto tra le parti nella giornata del 6 aprile p.v. e successivamente a convocare il tavolo ministeriale il 7 aprile p.v. auspicando che si raggiunga un Accordo sindacale.



Questa pagina ti è stata utile?

NO