Verbale di riunione - Sider Alloys (11 settembre 2020)

Documento: Verbale di incontro
Azienda: Sider Alloys
Settore: Siderurgico
Data: 11 settembre 2020

Il giorno 11 settembre 2020 si è svolta in modalità video e call conference la riunione riguardante il sito ex Alcoa della società Sider Alloys. L’incontro era presieduto dal Sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico Alessandra Todde. Erano presenti l’Assessore al Lavoro Alessandra Zedda e l’Assessore all’Industria della Regione Sardegna Anita Pili della Regione Sardegna, Antonio Martini dirigente Ufficio Interventi per la ricerca e l’innovazione del MiSE, Roberto Rizzardo di Invitalia, Stefano D’Addona, Davide Amorosi e Chiara Cherubini del Ministero del MiSE, Giuseppe Mannina, Gaetano Libia e Lucio Caruso di Sider Alloys e le Segreterie Nazionali e Territoriali di Fim-Cisl, Fiom Cgil, Uilm-Uilm e Ugl metalmeccanici, unitamente alle Rsu.

Il sottosegretario Todde ha aperto l’incontro dando la parola alla società per la presentazione dello stato di realizzazione del piano industriale.

Il dott. Mannina ha preliminarmente ringraziato tutte le parti che hanno contribuito a raggiungere i risultati sulla base dei quali sarà ora possibile procedere con il percorso di rilancio.
Ha dichiarato che l’azienda conferma gli impegni presi negli accordi per il piano di investimenti ed occupazionale.
I rappresentanti aziendali hanno illustrato lo stato di realizzazione del piano industriale ricordando che i ritardi nelle forniture dovuti all’emergenza sanitaria e i ritardi nella finalizzazione del contratto di fornitura dell’energia elettrica, hanno reso necessaria una rimodulazione delle tempistiche di realizzazione. Hanno evidenziato i punti di competitività del piano nel contesto del mercato europeo, a partire dal modello di business, dalle tecnologie innovative e dal prezzo delle fornitura di energia che costituisce un elemento di stabilità. E’ stata evidenziata la necessità di un adeguamento dei permessi ambientali in base alle nuove specifiche tecnologiche delle produzioni. Sono state presentate le attività di pre-revamping e revamping già avviate e quelle ancora da avviare, di ristrutturazione e messa in sicurezza dei capannoni, di adeguamento, potenziamento, montaggio, istallazione e manutenzione dei macchinari preesistenti e dei nuovi macchinari, per tutte le linee produttive.
La ripartenza delle produzioni è prevista per la seconda metà del 2021 e per l’inizio del 2022 con il riavvio della fonderia e successivamente della elettrolisi e l’arrivo a regime nel 2023 con 376 addetti più 70 manutentori. Già nei prossimi giorni verranno iniziate le prime assunzioni. Attualmente sono impegnate 114 unità tra diretti e indiretti. Verranno avviati corsi di formazione con il supporto della Regione Sardegna.
Un primo confronto tra le parti si svolgerà entro pochi giorni e l’azienda ha confermato la disponibilità a confronti periodici mensili tra le parti.

Le Organizzazioni Sindacali hanno espresso soddisfazione per i passi avanti evidenziati verso la realizzazione del piano industriale e per gli impegni presi riguardo al reintegro dei lavoratori. Anche in ragione dei ritardi nella realizzazione del timing presentato inizialmente, hanno sottolineato la necessità di ulteriori approfondimenti sullo stato attuale e sul programma futuro di realizzazione delle attività e del piano occupazionale e di un monitoraggio costante in sede di tavolo tecnico ministeriale per verificare gli avanzamenti con incontri periodici, complementari al confronto in sede territoriale. Hanno chiesto il supporto degli ammortizzatori sociali adeguati per accompagnare i lavoratori fino al completo reintegro.
Hanno inoltre chiesto di chiarire il ruolo svolto dalla controllata GMS a cui è stata affidata parte della realizzazione del piano e la gestione di alcune risorse.
Hanno infine chiesto all’azienda di mantenere l’impegno di stabilizzazione degli contratti a tempo determinato.

L’Assessore Zedda ha ricordato che sono in corso valutazioni degli strumenti di integrazione degli ammortizzatori sociali di cui usufruiscono i lavoratori del bacino, anche per il tramite di eventuali interventi normativi.

L’Assessore Pili ha sottolineato la necessità di effettuare insieme al Ministero dello Sviluppo Economico il monitoraggio tecnico e politico della realizzazione delle attività di questo importante piano di rilancio per il settore e per il territorio.

Il dott. Rizzardo e il dott. Martini hanno confermato che sono in corso riunioni tecniche tra l’azienda ed Invitalia aventi ad oggetto il monitoraggio di attuazione delle attività effettuate e la rimodulazione delle tempistiche di attuazione delle attività in fase di realizzazione, ai fini delle verifiche inerenti all’utilizzo degli strumenti a supporto agli investimenti.

Il sottosegretario Todde ha concluso l’incontro evidenziando la necessità di un monitoraggio costante e periodico dei tavoli tecnici e del tavolo istituzionale di confronto tra le parti che verranno riconvocati mensilmente per avere evidenza dell’avanzamento degli investimenti e dell’attuazione delle attività previste da piano.
Parallelamente sarà avviato un tavolo con il Ministero del lavoro in coordinamento con la Regione Sardegna sulla gestione degli ammortizzatori sociali.

 



Questa pagina ti è stata utile?

NO