Verbale di riunione - Stefanel (25 giugno 2020)

Giovedì, 02 Luglio 2020

Documento Verbale di riunione
Azienda Stefanel S.p.A.in A.S.
Occupati 253
Settore Moda
Data 25 giugno 2020

Il giorno 25 giugno 2020, presso il Ministero dello Sviluppo Economico si è svolta la riunione riguardante l’azienda Stefanel S.p.A. in Amministrazione Straordinaria. La riunione era presieduta dal Vice Capo di Gabinetto del Ministero dello Sviluppo Economico. Erano presenti Maria Modesta Di Rienzo dell’Ufficio Amministrazioni Straordinarie del MiSE, Chiara Cherubini del MiSE, Mattia Losego dell’Unità di Crisi di Veneto Lavoro della Regione Veneto, Raffaele Cappiello, Commissario Straordinario, assistito da Patrizio Bernardo dello studio Delfino e Associati Willkie e da Caterina Baldi Guarinoni di Assindustria Veneto Centro e le segreterie nazionali e territoriali di Cgil, Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil e UGL terziario, unitamente alle RSU e alle RSA.

 In apertura l’ing. Sorial ha ricordato che il tavolo è stato riconvocato per fornire una informativa rispetto alla realizzazione del Programma della Procedura di Amministrazione Straordinaria ed ha dato la parola al Commissario Straordinario.

 L’avv. Cappiello ha dichiarato che al Programma di Procedura già presentato sono state apportate modifiche coerenti con sopraggiunte esigenze causate dall’emergenza sanitaria. Le modifiche sono state sottoposte al Comitato di Sorveglianza e autorizzate in tempi brevi dal Ministero dello Sviluppo Economico per avviare la gara di vendita nel più breve tempo possibile.

Ha precisato che i compendi aziendali in cessione sono costituiti dalla Business Unit Stefanel, il nucleo centrale dell’azienda, i cui principali asset sono i marchi Stefanel, la sede di Ponte di Piave (TV) e la rete degli oltre 30 punti vendita sul territorio nazionale, nonché alcune partecipazioni, e la Business Unit Interfashion, che è costituita dalla partecipazione al 100% alla proprietà della società Interfashion S.p.A. che produce e distribuisce, su licenza, capi di abbigliamento a marchio HIGH, la quale detiene a sua volta quote di altre società e che non ha sinergie con l’altra business unit di Stefanel.

Si prevedere di approfondire le interlocuzioni con eventuali investitori interessati entro il termine del 4 settembre p.v. fissato per la presentazione delle offerte vincolanti, con l’obiettivo di concludere le procedure di cessione entro ottobre. Entro il termine del 4 settembre sarà inoltre disponibile una perizia dettagliata dei compendi aziendali.

Ha infine segnalato che la riapertura dei negozi non è sostenibile da un punto di vista finanziario e pertanto è stato deciso di proseguire la vendita della merce on line.

 La dott.ssa Di Rienzo ha precisato che il Ministero dello Sviluppo Economico sta lavorando per accelerare le procedure il più possibile tenendo conto sia della necessità di concludere le procedure in tempi molto brevi, sia tuttavia di valutarne accuratamente la coerenza con gli obiettivi propri della procedura di cercare soluzioni che offrano garanzie per il mantenimento delle attività produttive e dell’occupazione nel lungo periodo.

 Il dott. Losego ha sottolineato l’importanza della realtà economica e simbolica rappresentata dall’azienda per il territorio, e chiesto alla gestione commissariale di valutare la possibilità di riaprire alcuni punti vendita selezionati per mantenere la fidelizzazione della clientela e di compiere tutte le azioni utili a promuovere il valore aziendale.

Ha inoltre confermato la disponibilità della Regione a tenere monitorati, in coordinamento con tutti i soggetti istituzionali e sociali che partecipano al tavolo, i vari passaggi della procedura di cessione.

L’ing. Sorial ha concluso l’incontro giudicando positivamente il lavoro svolto dagli uffici dell’amministrazione straordinaria del Ministero dello Sviluppo Economico per cercare di concludere le procedure di vendita nel più breve tempo possibile al fine di non disperdere il valore degli asset aziendali, pur continuando a lavorare nel contempo per cercare garanzie di lungo periodo per la sopravvivenza dell’azienda e per la tutela occupazionale dei suoi addetti.

Il tavolo di confronto rimane aperto per seguire tutte le fasi della cessione per le vie brevi e sarà riconvocato a breve per i successivi aggiornamenti.

 



Questa pagina ti è stata utile?

NO