Verbale di riunione - Titagarh Firema TFA (8 maggio 2019)

Documento: Verbale di riunione
Azienda: Titagarh Firema TFA
Settore: Ferroviario
Data: 8 maggio 2019

In data 8 Maggio 2019, presso il Ministero dello Sviluppo Economico si è tenuto l’incontro con la società TFA. La riunione è stata presieduta dal Vice Capo di Gabinetto Mise Giorgio Sorial, affiancato da Chiara Cherubini del Ministero dello Sviluppo Economico. Erano presenti, per la Regione Campania Michele Malvari dell’Assessorato Attività Produttive, per la Regione Basilicata Gaetano Guerrieri dell’Assessorato Attività Produttive, per Firema Marco Pasini Responsabile Operations Titegarth, Luigi Ranieri Resposabile HR, Marco Scarano Risorse Umane e Alessandro Ferraro Responsabile produzione e stabilimenti. Erano inoltre presenti le segreterie nazionali e territoriali di FIOM-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil, unitamente alle RSU.

L’ing. Sorial ha aperto l’incontro dando la parola all’azienda per gli aggiornamenti.

Il Dott. Pasini ha presentato a grandi linee il programma aziendale di rilancio precisando che, conclusasi la prima fase di avvio, è iniziata ora la fase di stabilizzazione a cui seguirà la fase di crescita. In questa fase di stabilizzazione ci si concentrerà sulla chiusura degli ordini pendenti, sull’acquisizione di nuovi ordini, sul potenziamento delle nuove tecnologie e sul potenziamento dell’area di direzione tecnica e dell’area commerciale. Per garantire una sicura continuità aziendale, bisognerà puntare sull’acquisizione di nuove commesse ed ad ipotesi di collaborazioni in joint venture. L’azienda sta lavorando ad un progetto di investimento finalizzato all’ammodernamento e all’efficientamento delle produzioni per il quale intende usufruire di un Contratto di Sviluppo. Gli investimenti coinvolgeranno tutte le aree produttive (nuove tecnologie, attrezzature, incremento capacità produttiva) e sono da considerarsi propedeutici per una futura fase di crescita. Ne conseguirà una riorganizzazione del lavoro anche per compensare il turnover che seguirà ad alcuni prepensionamenti amianto e che comporterà nuove assunzioni di personale con competenze specifiche e una riorganizzazione anche delle funzioni manageriali per operare un risparmio di costi.
Il dott. Ranieri ha precisato che si prevede che tra la situazione attuale ed il 2021 ci possa essere un periodo di non completa saturazione delle capacità produttive in conseguenza della conclusione di talune commesse. Il calo dell’attività, in attesa dell’avvio di nuovi ordini, comporterebbe, di fatto, un minor utilizzo degli stabilimenti e la decisione di far ricorso agli ammortizzatori sociali.

Le Organizzazioni Sindacali hanno espresso preoccupazione per la poca chiarezza del piano industriale in termini di investimenti previsti, settori coinvolti, tempistica e modalità di realizzazione delle commesse attuali e future e, conseguentemente, sui relativi impatti sul piano occupazionale. Hanno inoltre chiesto dettagli specifici sul futuro delle sedi di Tito e Caserta, nonché del centro service di Roma.

Il Dott. Pasini ha spiegato che per la commessa circumvesuviana si prevede la consegna treni nella primavera 2021 e per quanto attiene ai treni per la Regione Campania si attende il nulla osta tecnico per la messa in strada che è previsto per fine maggio. Per lo stabilimento di Tito l’azienda chiede tempo per fare le sue valutazioni anche in virtù dell’esito delle future commesse. Si prevede inoltre di mantenerne un ruolo strategico per il service di Roma. Il piano industriale è in via di approvazione e verrà definito meglio entro il mese di giugno.

L’ing. Sorial ha concluso l’incontro prendendo atto positivamente del piano di investimenti previsto per l’introduzione di nuova tecnologia finalizzato allo sviluppo delle produzioni. Il Ministero dello Sviluppo Economico rimarrà in contatto per le vie brevi con l’azienda nelle prossime settimane per monitorare gli sviluppi ed offrire tutto il supporto disponibile. Il tavolo di confronto con le parti verrà riconvocato a breve per una presentazione più dettagliata del piano industriale.



Questa pagina ti è stata utile?

NO