Verbale di incontro Intermarine Spa di Messina

Martedì, 08 Settembre 2015

In data 8 Settembre 2015, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, si è tenuto un incontro relativo alla società Intermarine Spa di Messina.

Alla riunione erano presenti il Dott. Giampietro Castano, coordinatore dell’Unità per la Gestione delle Vertenze delle imprese in crisi (UGV), la Dott.ssa Silvia Bellato della UGV, l’Assessore Maria Lo Bello, Vice Presidente della Regione Sicilia, il Dott. Alessandro Ferrara , Dirigente Generale Attività Produttive della Regione Sicilia, il Dott. Melchiorre Di Maria, Dirigente del Dipartimento delle Attività Produttive della Regione Siciliana, la Dott.ssa Rasanna Fazio del Dipartimento Affari Extraregionali della Regione Sicilia e il Presidente dell’Autorità Portuale di Messina Dott. Antonino De Simone. Per la Intermarine erano presenti: il Dott. Livio Corghi, Amministratore Delegato, il Dott. Secondo Attila Carrara, Procuratore e Direttore Del Personale, l’Ing. Nicola Oteri, Responsabile dello Stabilimento di Messina. Erano inoltre presenti le OOSS FIM-CISL, FIOM-CGIL, UILM-UIL E FISMIC-CONFSAL e le RSU FISMIC-CONFSAL.

Il Dott. Castano ha aperto l’incontro comunicando di aver appreso che, alla fine di Agosto 2015, è stato siglato presso Confindustria Messina un Accordo che ha portato la Società Intermarine a revocare i licenziamenti dei dipendenti oggetto della procedura di mobilità attivata dalla Società.

La Fiom Cgil Nazionale ha fatto presente di non aver firmato il suddetto Accordo e dopo averlo acquisito si è riservata di fare le sue valutazioni.

Le Organizzazioni Sindacali firmatarie (FIM-CISL, UILM-UIL, E FISMIC CONFSAL) si sono dichiarate soddisfatte dell’accordo raggiunto (approvato anche dai lavoratori) in Confindustria di Messina il 31 agosto 2015, che ha portato alla revoca dei licenziamenti e alla richiesta da parte della Società di Cig in Deroga.

Hanno inoltre chiesto che si proceda con celerità nella ricerca di soluzioni che possano consentire al cantiere di superare il momento di difficoltà che sta vivendo a causa della congiuntura economica negativa e che il tavolo ministeriale resti aperto sulla vertenza in particolare per lo sviluppo del sito messinese.

La Società Intermarine ha ripercorso le varie fasi della vertenza e confermato che se non interverranno iniziative volte a ripristinare il flusso delle riparazioni da parte delle compagnie di navigazione verso il Cantiere di Messina e se non verranno acquisite nuove commesse, la situazione di crisi della Società è destinata a protrarsi e a divenire drammatica a fine anno; in questo quadro ha chiesto di sensibilizzare la Regione Sicilia e il Governo.

La Società Intermarine ha dichiarato inoltre che quando ci saranno delle concrete possibilità di trasferire al cantiere navale nuove attività la Società informerà prontamente tutti i soggetti coinvolti.

La Vice Presidente della Regione ha comunicato che convocherà un tavolo a livello regionale sul settore della nautica. Ha inoltre anticipato che in Sicilia saranno creati 8 poli nautici con l’obiettivo di dare un supporto concreto al settore.

Il Dott. Castano ha quindi chiuso l’incontro:

- comunicando che il Mise non entra nel merito dell’Accordo siglato presso Confindustria;

- informando i presenti che il Vice Sindaco di Messina Prof. Guido Signorino (non presente all’incontro per altri impegni istituzionali) ha riferito di aver avuto un contatto con un gruppo di aziende che si sono impegnate a fare una manifestazione di interesse formale (di cui non è stata specificata la natura) entro la settimana in corso;

- per quanto riguarda gli impegni richiesti al Governo ha confermato che il Ministero è in grado di intervenire e eventualmente supportare (ove consentito dalla legislazione vigente) solo progetti tangibili;

- è aperta una discussione con i rappresentanti del settore della cantieristica navale, realtà importante nel nostro paese. Su questo tema si stanno esaminando iniziative per supportare tale settore.

Il tavolo rimane aperto per Intermarine e il Dott. Castano ha richiesto alla Regione Sicilia di informare il Ministero dello Sviluppo Economico quando avranno luogo le iniziative anticipate nel corso della riunione dalla Vice Presidente della Regione.




Questa pagina ti è stata utile?

NO