Verbale di incontro Eurovinil

Mercoledì, 01 Luglio 2015

In data 1 Luglio 2015 si è tenuto un incontro riguardante la situazione di Eurovinil, alla riunione hanno partecipato la dr.ssa Manuela Gatta del Mise, il Dr. Michele Beudò della Regione Toscana, i rappresentanti dell’azienda Eurovinil il dr Tommaso Canapa, Paolo Ruggiero, il dr Michele Bignami e la Dr.ssa Francesca Pittau, l’Assessore del Comune di Grosseto Emanuel Cercello, le OOSS nazionali e territoriali CGIL, Filctem CGIL, Femca CISL, Uiltec UIL e le RSU.

Il Dr. Canapa ha comunicato che la procedura di licenziamento è stata attivata e verrà chiusa nella data di domani, ha inoltre comunicato che è stata offerto a circa 25 lavoratori di proseguire con trasformazione in contratto “part time” verticale a tempo indeterminato per 6 mesi effettivi di lavoro annui; con riferimento all’attività dell’advisor ha comunicato che proseguono i contatti con un imprenditore per il sito di Grosseto, che le trattative sono in una fase iniziale e che il prossimo incontro avverrà il prossimo 9 luglio.

Le OOSS hanno chiesto all’azienda chiarimenti in merito ai contratti “part time”, hanno inoltre chiesto che l’azienda faccia tutte le verifiche possibili per tenere i lavoratori in forza (in alternativa alla procedura di licenziamento già avviata), proponendo quindi la verifica presso il Ministero del Lavoro dell’attivazione del CdS, hanno inoltre chiesto tutto l’impegno necessario per la reindustrializzazione, verificando tutte le incentivazioni possibili.

L’azienda ha ribadito che si è trattato fino ad oggi di un percorso concordato, con riferimento alla richiesta odierna di verificare la percorribilità di ulteriori ammortizzatori (contratti di solidarietà) l’azienda è disponibile a verifiche ma che non comportino il ritiro della procedura di mobilità avviata, ha confermato la disponibilità a concedere l’immobile a titolo gratuito ad un ulteriore eventuale imprenditore per un periodo massimo di un anno, confermando l’intenzione a proseguire le verifiche dell’imprenditore esistente fino ad una eventuale finalizzazione, senza rinnovare il contratto già scaduto con l’advisor in essere.

La parte sindacale registra negativamente che di fatto l’azienda dimostra una totale indisponibilità a rivedere la proprie scelte.

Il Mise, la Regione Toscana ed il Comune di Grosseto hanno chiesto all’azienda di portare avanti le necessarie verifiche con il Ministero del Lavoro (contratti di solidarietà), hanno inoltre chiesto che l’impegno alla reindustrializzazione prosegua con l’impegno dell’advisor fino a fine anno e che l’immobile sia messo a disposizione a valori incentivanti.

La Regione Toscana ha ribadito la disponibilità a mettere in campo tutti gli strumenti di sostegno all’impresa disponibili (formazione, ricerca e sviluppo, incentivi all’occupazione, strumenti di agevolazione a credito) nel caso si manifestasse un soggetto interessato all’acquisizione ed alla salvaguardia occupazionale.

L’azienda conferma l’accordo controfirmato da tutte le parti 12 mesi fa e prende atto delle nuove richieste.

Le Istituzioni e le OOSS chiedono che in tempi rapidi l’azienda comunichi le decisioni in merito alle richieste odierne.




Questa pagina ti è stata utile?

NO