Verbale riunione Alluxmetall

Il giorno 12 novembre 2014 presso il Ministero dello Sviluppo Economico si è tenuta una riunione riguardante la situazione di Alluxmetall. Alla riunione erano presenti la dr.ssa Manuela Gatta del Mise, l’Assessore L. Capone della Regione Puglia, l’Assessore all’Innovazione e Politiche comunciatrie A. Delli Noci del Comune di Lecce, i Rappresentanti di Alluxmetall nelle persone dell'Amministratore Delegato sig. Stefano Costantini e dei consiglieri Dr. M. Cavalli e dott. Claudio Catalani, dell'ente incaricato della Formazione nella persona della dott.ssa Chiara Pancaldi, le OOSS territoriali confederali e di settore per le sole sigle  FAILMS –CISAL e la FIOM-CGIL con mandato di rappresentare anche Fim e Uilm, nonché' alcuni lavoratori.

Il Rappresentante del Mise ha constatato l’assenza dei Rappresentanti provinciali e dei membri del comitato di pilotaggio della formazione seppure invitati (la dott. Campobasso ha inviato una nota per giustificare l’assenza della Cgil), mentre l’assenza del Ministero del Lavoro era stata comunicata preventivamente giustificata da impegni istituzionali improrogabili sopraggiunti. (mancavano anche Uil e Cisl)

In apertura di riunione i Rappresentanti aziendali hanno comunicato la disponibilità a partire con le attività che però vengono di fatto impedite dal rilascio delle necessarie autorizzazioni, che rilevando che sono stati ampiamente superati i limiti temporali posti dalla legge, da parte della Provincia. Il recente parere favorevole della conferenza dei servizi non è infatti sufficiente all’avvio delle attività, ma solamente prodromico al rilascio delle autorizzazioni necessarie. I rappresentati aziendali hanno confermato che la documentazione riguardante la V.I.A, ad oggi non e' stata ancora rilasciata, e pertanto l'azienda ha dichiarato che se entro il 31 12 2014 non verranno concesse tutte le autorizzazioni necessarie, l’azienda lascerà il sito di Lecce, ricordando anche che ad oggi sono stati investiti ingenti capitali di proprietà dei soci senza aiuti esterni, non rientrando Alluxmetall srl nel piano di riconversione ex Bat. La mancata concessione delle autorizzazioni ha comportato anche ritardi nel progetto di formazione,  con conseguente rimodulazione della parte on the job; l’azienda ed i lavoratori presenti hanno quindi constatato con disappunto l’assenza del comitato di pilotaggio della formazione, impegnato nelle verifiche, rispetto al quale non si capisce per quale ragione non abbia ancora provveduto ad omologare il processo formativo.

La Failms Cisal  ha aspramente criticato i ritardi dell’amministrazione competente (la Provincia) minacciando azioni di protesta, criticandone l’assenza al tavolo della Provincia e del comitato competente a vigilare sulla formazione.

L’Assessore Capone si è mostrata stupita per l’atteggiamento dell’amministrazione, ribadendo il proprio impegno a portare avanti le verifiche necessarie ed a sollecitare gli organi competenti.

La Dr.ssa Pancaldi competente nel portare avanti il progetto di formazione ha illustrato che quanto fatto che però è stato limitato dal fatto che l’attività non sia partita per mancanza di autorizzazioni. Pertanto le ore formative relative ad attivita' on the job, sono state gioco forza effettuate mediante spiegazione del funzionamento del ciclo produttivo e del funzionamento dei macchinari presenti sul sito.

Il Rappresentante del Mise ha rilevato che una azienda che potrebbe dare lavoro a diverse persone nel sito deve essere messa nelle condizioni di svolgere la sua attività al più presto, anche tenendo conto della comunicazione formale di Alluxmetall srl di lasciare entro il 31.12.2014 se le medesime autorizzazioni non verranno rilasciate. Ha comunque ritenuto utile l’incontro odierno che è servito a stigmatizzare da parte di tutti i soggetti presenti Istituzioni, Organizzazioni Sindacali, lavoratori ed azienda, la mancanza del rilascio delle autorizzazioni come già fatto in precedenza dallo  Sottosegretario de Vincenti, con la certezza che questo richiamo possa essere utile a chiudere la pratica. Le parti presenti ribadiscono la richiesta  all’Amministrazione competente a rilasciare al più presto le autorizzazioni necessarie per permettere l’avvio delle attività e fare si che Organizzazioni sindacali ed azienda si possano confrontare sui contenuti. In conclusione il Mise registra positivamente il consueto impegno delle Istituzioni presenti (Regione e Comune ) a sollecitare il rilascio di quanto richiesto.     

 



Questa pagina ti è stata utile?

NO