Verbale di riunione Azienda Parmalat S.p.A.

In data 1 agosto 2014 si è tenuto presso il MiSE un incontro avente ad oggetto il sito dell’ex Centrale del latte di Genova. Alla riunione erano presenti le dr.sse Cherubini e Bellato dell’Unità Gestione Vertenze del Ministero dello sviluppo economico, l’assessore alle politiche attive del lavoro della Regione Liguria Vesco, in videoconferenza, l’assessore alle attività produttive del Comune di Genova Oddone, i dottori Beraldo e Pezzani di Parmalat S.p.A. e le Organizzazioni Sindacali nazionali e territoriali FAI – CISL, FLAI – CGIL, UILA – UIL, insieme alle Rappresentanze Sindacali Unitarie.

All’ordine del giorno la ricollocazione di 21 lavoratori della ex Centrale del latte di Genova per i quali scadrà la CIGS il 30 settembre 2014. 

L’azienda ha aperto l’incontro comunicando di aver ricevuto una lettera di intenti da parte di acquirenti anonimi interessati a rilevare il sito della ex Centrale. I contenuti della lettera non sono stati divulgati a causa del vincolo di riservatezza, tuttavia essa contiene l’impegno degli acquirenti a riassorbire 12 delle 21 unità in CIGS. Parmalat non conosce ancora il tipo di riconversione industriale prevista per il sito. La finalizzazione dell’acquisto dovrebbe avvenire entro il mese di agosto 2014. Agli acquirenti – tramite intermediari – sono stati forniti i curricula anonimi delle 21 risorse da ricollocare; entro il 15 settembre 2014, gli acquirenti comunicherà i nominativi delle 12 risorse che verranno riassorbite ed entro dicembre 2014, le risorse selezionate riceveranno la lettere di assunzione.

Per quanto riguarda i restanti 9 esuberi, l’azienda si impegna a ricollocarli presso le sedi Parmalat di Albano (BG) dove andranno 5 risorse, Zevio (VE), dove ne andranno 3 e Viscosa (UD) dove ne andrà una. 

Le OO. SS. hanno chiesto maggiori informazioni sul tipo di contratto che verrà offerto e in generale sulle prospettive future delle 21 unità. Hanno inoltre comunicato insoddisfazione per il periodo in cui i lavoratori rimarranno scoperti, che va dallo scadere della CIGS fino alla riassunzione e, infine, hanno manifestato preoccupazione sull’incertezza che permane riguardo al tipo di riconversione del sito.

Rispetto alla richieste dei sindacati, l’azienda si è dichiarata disponibile a prorogare, per un periodo da definire, il programma di outplacement (per i lavoratori interessati a tale strumento), e ad un incontro tecnico nei primi di settembre p.v. con le OO.SS.

L’assessore Vesco ha dichiarato perplessità riguardo all’anonimato dei futuri acquirenti del sito dell’ex Centrale e ha comunicato che la Regione è disposta ad un incontro con loro garantendo tutta la riservatezza necessaria.

L’assessore Oddone ha espresso preoccupazione per il persistere dell’incertezza sull’utilizzo del sito della ex Centrale a fronte delle scadenze a breve degli impegni e ha chiesto ufficialmente all’azienda di trasmettere ai nuovi acquirenti la richiesta del Comune di Genova di un incontro nel mese di agosto.

A valle dell’incontro tecnico tra azienda e sindacati ci sarà un incontro presso il MiSE entro il mese di settembre p.v.




Questa pagina ti è stata utile?

NO