Verbale di incontro Siti industriali Eni Gela -Porto Marghera

AI termine dell'incontro presso il MISE, presieduto dal Ministro Dott.ssa Federica Guidi, convocato

per esaminare la situazione e le prospettive dei siti industriali Eni di Gela e Porto Marghera, è stato

predisposto e condiviso il seguente verbale.

Premesso che

• Le parti hanno ribadito, in particolare, la validità e l'importanza di quanto definito negli

accordi tra le parti sottoscritti nel 2013 e 2014 relativamente ai siti di Gela e Porto

Marghera;

• Eni ha rappresentato che lo scenario della raffinazione in Italia ed in Europa è

ulteriormente peggiorato ed in tale contesto ha predisposto e illustrato un nuovo piano

industriale per il rilancio e la riorganizzazione del sito di Gela;

• Eni ha confermato la realizzazione degli investimenti relativi alla seconda fase del progetto

di riconversione della Green refinery di Porto Marghera nei tempi previsti dall'accordo ed

inoltre ha ribadito la strategicità del petrolchimico Versalis di Porto Marghera.

• A fronte dell'auspicata condivisione del quadro industriale, Eni e organizzazioni sindacali

avvieranno, a partire da settembre, il confronto per definire un nuovo protocollo di

relazioni sindacali per la competitività e lo sviluppo delle sue attività, sviluppando un

confronto su tutte le problematiche del Gruppo.

E' stato convenuto che

• Le parti avvieranno un confronto sulle prospettive strategiche del sito Eni di Gela che si

svilupperà in incontri che coinvolgeranno tutte le strutture sindacali territoriali. Il

confronto terminerà entro la prima settimana di settembre. " tavolo di confronto

nazionale presso il MISE verrà nuovamente convocato entro il15 settembre 2014.

Eni riprenderà immediatamente il processo manutentivo che deve garantire la

conservazione degli impianti e il ripristino dell'efficienza operativa della linea l, anc

attraverso il coinvolgimento dell'indotto, nelle more che venga definito un progetto in

grado di dare stabilità di lungo periodo per il sito di Gela.

• Eni/Versalis e organizzazioni sindacali territoriali si attiveranno congiuntamente per

valutare le problematiche legate ali' AIA della CTEdi Porto Marghera, che oggi impediscono

il riavvio previsto del cracking, per individuare le soluzioni, tecnicamente e

economicamente compatibili, che consentano di superare tale criticità. Anche su questa

materia è prevista la convocazione di un tavolo nazionale di confronto entro il 30

settembre 2014.

Roma, 31 luglio 2014




Questa pagina ti è stata utile?

NO