Verbale di incontro PRIVILEGE YARD

In data 1 Aprile 2014 si è tenuto un incontro riguardante la situazione della Privilege Yard. Alla riunione presieduta dal Viceministro Prof. Claudio De Vincenti, hanno partecipato il Dr. Giampiero Castano del Mise e la Dr.ssa Manuela Gatta, i Rappresentati dell’azienda (Dr. Mario La Via, Guglielmo La Via, Vincenzo Manganelli, Antonio Battista, Giuliano Sansone, Bruno Del Pico), l’On. Marietta Tidei, le OOSS Fiom-CGIL oltre alle Rsu. 

Il Dr. Manganelli ha aggiornato in merito ai rapporti dell’Azienda con le Banche che dovrebbero a breve essere in condizioni di avere gli elementi necessari per sbloccare le linee di credito. In particolare la Barklays ha recentemente inviato una lettera, vicina ad un compromesso accettabile secondo l’azienda. La ulteriore situazione di criticità è derivata da istanze fallimentare provenienti da fornitori, a seguito delle quali le Banche hanno chiesto chiarimenti, con riferimento alle suddette istanze il Tribunale di Civitavecchia si è riservato di dare risposte. Le banche hanno  accettato di dare comunicazione e di presentare ai propri organi deliberanti le informative presentate da Privilege, per una ridiscussione dei termini. Le Banche coinvolte chiederanno al Giudice di pronunciarsi in tempi brevi, se la pronuncia del Tribunale non avvenisse nei tempi, la Società ha dichiarato di impegnarsi ad adempiere agli obblighi dei fornitori.          

Il Vice Ministro De Vincenti ha sottolineato che vi sono dei dubbi degli Istituti Bancari che hanno chiesto ovviamente garanzie sulla solidità aziendale. L’Azienda ha fornito assicurazioni in questo senso. Il Prof. De Vincenti ha inoltre aggiunto che il Governo segue con preoccupazione la vicenda e segue con attenzione anche il rapporto azienda banche, auspicando che tutto si risolva positivamente. Ha comunque sottolineando che tutto verrà portato avanti nel rispetto dei i ruoli. Ovvero il Governo può chiedere dei chiarimenti ma la partita dovrà essere giocata dalla’azienda e dalla sua capacità di gestire il rapporto con gli istituti bancari e con i fornitori. Inoltre ha sollevato il tema dei tempi ed ha sollecitato l’azienda a mettere in sicurezza i lavoratori attraverso gli ammortizzatori se non è in grado di retribuirne gli stipendi.   A questo proposito verranno sollecitate i soggetti competenti per avviare in tempi brevi un confronto sugli ammortizzatori da attivare. 

Le OOSS hanno espresso forte preoccupazione per la situazione legata alla situazione dei dipendenti ed anche per una mancanza di chiarezza e trasparenza in merito al committente ed alle prospettive industriali.

Il Dr. Castano in conclusione ha condiviso le preoccupazioni dei lavoratori chiedendo all’azienda maggior chiarezza sugli interlocutori e sulle prospettive industriali che sono le questioni di interesse del Mise, ha altresì esortato l’azienda ad attivare tutte le azioni necessarie per mettere in sicurezza i lavoratori. Il tavolo verrà riconvocato a seguito dei passaggi riguardanti gli ammortizzatori sociali che dovranno essere portati vanti gli organi competenti che il mise si è impegnato a sollecitare.             



Questa pagina ti è stata utile?

NO