Verbale di incontro - Micron

In data 25 maggio si è tenuto un incontro riguardante la situazione di Micron alla riunione presieduta dal Dr Castano erano presenti i rappresentanti della Regione Lombardia Fulvio Matone ed Antonio Genova, della Regione Campania Claudio Oddati, della Regione Abruzzo Assessore alle Attivita’ Produttive Giovanni Lolli ed il Dr Giuseppe Sciullo, i rappresentanti dell’azienda il Dr. Castellucci, il Dr. Bellini,  il Dr. Simoncini ed il Dr. Credidio per Micron,  di Confindustria MB Fabio Usuelli ed i consulenti aziendali Dr. Adelio Riva e Dr. Manuela Rafaiani, le OOSS nazionali e territoriali di categoria Fiom Cgil, Fim Cisl Uilm Uil e le RSU Aziendali.

L’azienda è stata convocata per fare il punto sulla situazione e sull’esecuzione del piano sottoscritto presso il ministero del lavoro in data 14 Aprile 2014.

In particolare la Micron ha comunicato di aver avviato CIGS straordinaria, ha informato in merito all’ulteriore strumento previsto dall’accordo, ovvero il ricollocamento all'interno dell’azienda anche supportato da incentivazione, questo ha portato risultati molto soddisfacenti con i seguenti trasferimenti 13 su Italia e 33 su Estero; inoltre il 30 giugno p.v. scadrà l'incentivo di 28 mensilità (il massimo previsto dall’accordo) che successivamente a tale data, come previsto diminuirà, l’azienda ha quindi esortato, a chi volesse dimettersi, di approfittare delle modalità offerte non modificabili, nonostante la richiesta delle OOSS.

Con riferimento alla proposte di ricollocamento all’interno del Gruppo (67 all'Estero e 38 in Italia), c’è stata una risposta superiore alle aspettative, sono state anche accettate auto candidature al ricollocamento in altra sede ( 8 candidature in più).
Con riferimento alla proposta di ricollocamento dei 170 esuberi in STM, 15 hanno rifiutato, preferendo l’uscita incentivata. Le OOSS hanno chiesto che comunque le offerte provenienti da STM vengano portate avanti fino a saturare i 170 posti e di farlo entro fine giugno, per poter eventualmente fruire della massima incentivazione (od in alternativa di prolungare il termine di massima incentivazione).
 
Il Dr Castano non potendo rispondere per STM, non presente al tavolo, si attiverà però in tempi brevissimi nei confronti dell’Azienda, chiedendo che le ulteriori assunzioni vengano portate avanti in tempi brevi, ricordando però che negli impegni di STM c’era un obbligo a contattare i 170 nei termini del 2014-2015 ponendo come fondamentale la questione delle competenze necessarie, chiedendo anche alle ooss se , secondo loro, queste competenze potessero essere individuate nel bacino da cui deve attingere STM.  

I rappresentanti di Micron hanno sottolineato che non è prevista la possibilità di prolungare i termini per usufruire dei massimi incentivi. 

Le OOSS hanno anche sollecitato il tavolo della microelettronica urgentemente, con anche la presenza delle Regioni coinvolte ricordando anche che si era parlato in quella sede di un documento di indirizzo di politica industriale.

Il Dr Castano ha ritenuta corretta la domanda e solleciterà gli uffici preposti, infatti il nostro Paese sta lavorando bene in questo settore e quindi è importante che il lavoro venga riconosciuto in Sede europea.

Le Ooss hanno anche chiesto se qualcuno che non facesse parte degli esuberi potesse usufruire degli incentivi, cosa esclusa da parte dell’azienda. Le ooss hanno anche chiesto impegni dei consorzi e hanno chiesto approfondimenti su alcuni temi, cassa a rotazione e formazione in particolare, che secondo le stesse è stata imposta dalla’alto senza discussione. 

Il Dr Castano ha però invitato a chiarire sulla questione dei Consorzi (in particolare Agrate consorzio con aziende in difficoltà tranne STM e in Sicilia invito a chiarire con la Regione Siciliana - peraltro non presente al tavolo). Inoltre ha chiesto che con riferimento alle tematiche di approfondimento sollevate (formazione e cassa a rotazione) essendovi due livelli di confronto in merito, la sede locale e quella istituzionale, ha sollecitato le parti ad aprire una discussione in sede locale e tornare al livello istituzionale, se la prima verifica non dovesse dare risultati positivi.
 
La Regione Lombardia ha chiarito che sono disponibili fondi della Regione, l’accordo sottoscritto non implica automaticamente l’avvio di progetto, vi è comunque la piena disponibilità della Regione Lombardia a discutere di progetti “ad hoc” con STM, qualora ne faccia richiesta.

In conclusione quindi il Dr. Castano ha ribadito l’impegno a contattare rapidissimamente STM affinché faccia le proposte in tempi brevi, convenendo sulla necessità di convocare il tavolo della microelettronica, a questo proposito chiederà con urgenza al VM ed alle Direzioni preposte.




Questa pagina ti è stata utile?

NO