Verbale di incontro Valtur

 Il giorno 19 maggio 2014, in Roma, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, alla presenza del Dott. Giampietro Castano e della Dott.ssa Chiara Cherubini, si sono incontrate le seguenti “Parti”:

Valtur S.p.A. in Amministrazione Straordinaria, rappresentata dal Commissario liquidatore Avv. Stefano Coen, assistito dall’Avv. Rosario Salonia:

Valtur S.p.A (già Orovacanze S.r.l.), rappresentata dal Dott. Gianni Salerno;

Segreterie Nazionali e Territoriali delle Organizzazioni Sindacali così rappresentate:

FILCAMS CGIL, nella persona della Dott.ssa Lucia Anile;

FISASCAT CISL, nella persona della Sig.ra Elena Maria Vanelli;

UILTuCS UIL, nella persona di Paolo Proietti;

RSA di Sede, nelle persone dei Sigg. Massimo Galand, Andrea Pavesi, Angelo Boido, Giuseppe Sarrica

Premesso che, il 29 ottobre 2013, è stato sottoscritto un verbale di consultazione e di accordo ai sensi dell’art. 47 l. 428/90, a valle della procedura di evidenza pubblica della Società Valtur S.p.A. in A.S. in cui è risultata assegnataria la Orovacanze S.r.l. (ora Valtur S.p.A. con socio unico), in forza del quale, a partire dal 1 novembre 2013, sono stati trasferiti a quest’ultima, ex art. 2112 c.c., n. 89 lavoratori ed è stata prevista l’assunzione da parte della medesima di altri 18 lavoratori, su un totale di complessivi 215; in pari data le Parti hanno attivato, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, apposito tavolo governativo per individuare soluzioni operative finalizzate: (i) alla gestione e cessione di assets rimasti in capo alla procedura di Amministrazione Straordinaria e (ii) all’attuazione di piani volti a favorire l’assunzione dei lavoratori non trasferiti ex art. 2112 c.c. con contratti a tempo determinato (c.d. stagionali) e indeterminato tra i lavoratori rimasti in forza alla Procedura con l’acquirente o con datori di lavoro terzi.

Nel corso dell’odierno incontro il rappresentante della Procedura di A.S. Avv. Stefano Coen ha fatto presente che il 20 dicembre 2013 è stato sottoscritto presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali l’accordo per il ricorso alla CIGS ai sensi dell’art. 3, comma 1, legge 223/91 e s.m.i., per complessivi n. 127 lavoratori e che, alla data odierna, per effetto delle azioni svolte, il numero di lavoratori sospesi in CIGS è diminuito a 109. 

Il rappresentante della Società acquirente, già Orovacanze S.r.l., ha confermato l’impegno a procedere, con le gradualità indicate nell’accordo del 29 ottobre 2013, alle assunzioni previste ed ha fatto presente che il piano industriale prevede l’espansione in Italia e all’estero dei villaggi gestiti dalla Società stessa, con conseguente necessità di procedere a nuove assunzioni di lavoratori che saranno prioritariamente individuati tra quelli rimasti in forza alla Procedura di A.S. ed attualmente sospesi in CIGS.; ha, altresì, confermato che è stata avanzata formale manifestazione di interesse per l’acquisizione di altri complessi turistici tra i quali la struttura sita nel Comune di Pollina (PA), già costituente ramo d’azienda della Valtur in A.S..

Le OO.SS., nel rispetto di quanto previsto dalle norme contrattuali in merito alle Relazioni Sindacali, hanno richiesto di mantenere un  continuo monitoraggio, anche da parte del MiSE, nella piena applicazione di quanto sottoscritto nell’accordo del 29 ottobre 2013 e di tutte le opportunità di ricollocazione al lavoro derivanti dal Piano Industriale dell’acquirente. 

Inoltre, a fronte dell’imminente avvio della stagione estiva e della confermata manifestazione di interesse di Valtur S.p.A. per l’acquisizione di altri complessi turistici, tra i quali la struttura sita nel Comune di Pollina (PA), hanno chiesto all’Azienda Valtur in A.S. e al MiSE di mettere in campo tutte le azioni necessarie per ricercare soluzioni concrete atte a determinare l’apertura dei sopra citati villaggi. 

Le OO.S.S. hanno inoltre lamentato i disagi che i lavoratori, sospesi in CIGS e privi di sostegno al reddito, stanno sopportando a causa del ritardo nell’istruttoria della relativa pratica da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, richiedendo alle Parti un supporto al fine di redimere tale problema.

Il MiSE ha confermato che il tavolo di confronto delle strategie industriali sopra richiamate, rimane aperto ed attivabile anche su espressa richiesta di una sola delle parti interessate. 

Per tutto quanto sopra,  si è concordato un ulteriore incontro per il giorno 23 giugno p.v. alle ore 11,00 p.sso il MiSE, via Molise, 2 - Roma.



Questa pagina ti è stata utile?

NO