Verbale di riunione - Cloud Italia

Azienda: Cloud Italia
Settore: TLC
Numero dipendenti: 270

12 marzo 2014

Alla riunione, presieduta dal Dr. Castano, erano presenti, l’A.D. Marco Iannucci ed il Dr. Bruno D’Avanzo di Cloud, il commissario Vidal e le OOSS nazionali FISTEL CISL, UILCOM UIL, SLC CGIL, UGL TLC.

Le Organizzazioni sindacali hanno chiesto la convocazione del tavolo per una verifica dell’accordo sottoscritto presso il MISE e per chiarire le prospettive aziendali riguardo la procedura di mobilità aperta dai commissari per 88 unità.

Il Rappresentante di Cloud (Ing. Iannucci)  ha fatto il punto della situazione rappresentando un trend positivo di crescita per il fatturato del cloud rispetto al quale si prevedono prospettive di mantenimento dei livelli finora raggiunti, di incremento e non di perdita. L’azienda sta raggiungendo i risultati sperati rispetto alle attività iniziate, anche se non con la velocità che era stata prevista quando è stato siglato il precedente accordo.

Nel precedente accordo, secondo il commissario Vidal, i numeri occupazionali erano stati calcolati in base a previsioni di un trend di crescita più rapido di quanto poi si è effettivamente verificato.

I sindacati chiedono all’azienda di fornire stime precise circa le prospettive occupazionali future anche in vista della scadenza della CIGS il prossimo maggio, da inserire in un piano industriale puntuale e in un eventuale ulteriore accordo, da siglare presso il MISE, in base al quale verrà richiesta la cassa in deroga.

L’azienda, ricordando che le stime occupazionali del precedente accordo erano comunque subordinate ai risultati del conto economico che poi si sono dimostrati essere inferiori alle aspettative, ha comunque confermato la volontà di riassorbire quante più risorse possibili in vista del futuro trend di crescita e si è impegnata a rivedere i numeri del precedente accordo per preparare la bozza di un ulteriore accordo.

Il dr. Castano ha chiesto alle parti di riaggiornare l’incontro in tempi brevissimi per discutere della revisione dell’accordo precedente. Il nuovo incontro è previsto per il 26 marzo 2014.




Questa pagina ti è stata utile?

NO