Verbale di riunione - STM

In data 11 Dicembre 2013 si è tenuto presso il MSE un incontro riguardante la situazione della Stm.

Alla riunione presieduta dal dr. Giampiero Castano hanno partecipato la dr.ssa Manuela Gatta del Mise, l’Ing. Pietro Palella AD e Presidente STM, il Dr. Bianchessi della Regione Lombardia, il Sindaco di Catania Enzo Bianco, le OOSS FIM-CISL, UILM-UIL, FIOM-CGIL, UGL MET. nazionali,  territoriali e le RSU.

Le OOSS hanno chiesto chiarimenti e mostrato preoccupazione per l'annuncio del Presidente del Consiglio Enrico Letta, che ha annunciato privatizzazioni, le OOSS hanno infatti mostrato preoccupazioni che questo possa riguardare anche STM. Il Dr. Castano ha tranquillizzato le preoccupazioni delle OOSS chiarendo che:

  • per il Governo questo è un settore strategico e non ci sarà disimpegno;
  • la partecipazione in STM è basata su accordi con lo Stato Francese, per modificare la partecipazione italiana occorrerebbe quindi un accordo con la Francia, che non è previsto;
  • non ci saranno infatti modifiche degli  accordi in essere (13,5 per Italia e 13,5 per Francia) pertanto la situazione non muterà. La partecipazione sarà sempre paritetica con la Francia;
  • qualsiasi modifica avverrà in accordo con il governo francese; se dovessero cambiare le quote esso sarà per entrambi gli Stati.

Le OO.SS. hanno chiesto inoltre notizie su eventuali trasferimenti di azioni in STM dal Tesoro alla Cassa Depositi e Prestiti, ma il Dr. Castano ricorda che questo non è previsto e che sarebbe ininfluente.

Il Sindaco di Catania ha evidenziato che una privatizzazione “tout court” sarebbe grave, ha mostrato quindi soddisfazione nelle dichiarazioni odierne, ha inoltre esortato a seguire con maggior attenzione la partecipazione italiana, così come fa la Francia abitualmente.

Il Dr. Castano ha a tal proposito evidenziato che STM, è cresciuta in questi anni grazie all'attenzione dello Stato e che l'AdP, di cui STM non ha usufruito è stato di importo molto alto. Comunque ritiene opportuno che si rafforzi ulteriormente l'attenzione come dimostra anche il prossimo tavolo di settore che verrà convocato al Mise.

Un Rappresentante del Parlamento ha riferito di un investimento di 3 miliardi di euro su STM del governo francese il Dr. Castano ha quindi ribadito quanto detto sopra e che i progetti devono essere presentati dall’azienda e lo Stato vaglierà il progetto.

Il Responsabile di STM (Ing. Palella) ricorda che l'Italia è la sede dell'eccellenza di una parte di tecnologie sia in ricerca che in manifattura. I due siti principali di manifattura sono Catania ed Agrate. A Catania (centro che lavora a 6 pollici) c'è un plan per portare da 6 a 8 pollici, ad Agrate, già a 8 pollici, si continuerà a lavorare in questo ambito. In ambito R&D si va verso il 12 pollici, con il consorzio con Micron, gli investimenti sono ingenti e sono di 270 milioni di euro ciascuno. Con riferimento ai tempi, in luglio si prevedeva prima la conversione 6-8 pollici a Catania (2014-2016), poi l'intervento su R&D ad Agrate (2017-2018). Oggi, con il mercato attuale, ci si attesta sui 140 miliardi di dollari su tutta STM, con crescita stimata del 4%. Le attese degli analisti sono state disattese, infatti oggi (I semestre 2013) ci si attesta su una decrescita del 2%, con dinamiche diverse a seconda del segmento del mercato di STM che è molto composito; il 2013 ormai si chiude in questo modo. Facendo un’analisi dei segmenti: l'automotive, i microcontrollori , altri mercati di nicchia vanno bene, altri mercati (come quello del pc e smartphone), sono sotto pressione, occorre quindi ampliare il portafoglio clienti. Tutti questi elementi (luci ed ombre) fanno pensare ad un 2014 impegnativo, occorre perciò graduare gli investimenti sulla base dei risultati di mercato. Pertanto la modulazione prevista a luglio va ripensata. Resta il piano, ma vanno fatte modifiche e rimodulazioni. L’ing. Palella ha successivamente chiarito alcuni aspetti, come richiesto dalle OOSS, riguardanti i progetti che STM intenda portare avanti. È quindi emerso il tema dei progetti sull'innovazione finanziati in ambito UE, si è fatto inoltre cenno ad Horizon 2020 e ai fondi FESR su innovazioni tecnologiche che negli anni 2014-2020 le Regioni dovranno progettare e cui STM potrebbe accedere.

Il Sindaco di Catania ha chiesto chiarimenti all’Azienda in merito alla distribuzione dei dividendi nel 2013, l 'Ing. Palella ha ricordato che comunque gli investitori vanno in qualche modo remunerati e queste sono scelte strategiche.

Con riferimento alla R&D l’Ing. Palella ha inoltre ricordato che si lavorerà su 12 pollici ad Agrate e sui materiali (silicio, gallio...) a Catania.

Le OOSS hanno chiesto quindi che una strategia venga indicata anche data l’importanza del settore, dalla politica, ribadendo che sono necessari approfondimenti in merito alla partecipazione pubblica ed alle modalità con cui si esplica. 

Il Dr. Castano in conclusione ribadendo quanto espresso inizialmente ha annunciato il tavolo di  settore sulla microelettronica per il giorno 23.01.2014.




Questa pagina ti è stata utile?

NO