Verbale di Incontro - OM Carrelli

Il giorno 12 Novembre 2013 si è tenuto presso il Mise un incontro riguardante la situazione di OM Carrelli. Alla riunione presieduta dal Dr. Giampiero Castano hanno partecipato l’Assessore Leo Caroli della Regione Puglia insieme al Dr. Giuseppe Recchia, la Dr.ssa Manuela Gatta del Mise, il Dr. Michele De Vietro di OM, le OOSS territoriali di categoria e le RSU.

Dopo ampio dibattito è stato dichiarato quanto segue.

Le Organizzazioni sindacali hanno chiesto all’azienda di:

a. ritirare la procedura ex art. 700 attivata nei confronti dei lavoratori;
 
b. di prendere visione del piano industriale che dovesse essere  presentato per la reindustrializzazione del sito e quindi di considerare la possibilità di prolungare gli ammortizzatori sociali per un periodo successivo alla fine di giugno 2014, al fine di permettere l’eventuale completamento del percorso di reindustrializzazione che si dovesse auspicabilmente avviare;

c.
di riprendere i trasferimenti all’interno del Gruppo Kion di lavoratori;

d. di verificare la possibilità di aggiuntivi incentivi all’esodo.

Queste sono le richieste delle OOSS finalizzate ad accogliere le reiterate richieste avanzate dall’azienda di rientrare in possesso dei propri beni.

L’Azienda non solo ha confermato di aver già dato ampie aperture durante l’ultimo incontro tenutosi presso la Regione Puglia dichiarando la propria disponibilità a sostenere ulteriormente l’attività dell’advisor, ma ha anche già dato la possibilità ad eventuali soggetti interessati alla reindustrializzazione del sito di visitare lo stabilimento. A tal fine ritiene che ulteriori richieste non possano essere soddisfatte. Inoltre con riferimento al precedente punto c) l’Azienda dichiara di non aver mai sospeso i trasferimenti come definito negli Accordi sottoscritti.

La Regione Puglia ha confermato la propria disponibilità ad attivare tutte le iniziative che favoriscano la reindustrializzazione: in primo luogo valutando in tempi strettissimi l’eventuale piano industriale conseguente alla manifestazione di interesse prospettata dal Mise e comunque sostenendo le azioni legate al mantenimento dei livelli occupazionali anche oltre i termini previsti per la cassa integrazione. La Regione invita le parti a trovare un possibile punto di incontro tra le posizioni rimaste ancora distanti.

Il Mise convocherà il tavolo a breve, a seguito della verifica di soggetti che hanno manifestato il loro interesse sul sito, ha inoltre rilevato ed auspica che vi sia la volontà delle parti di concludere positivamente la vertenza.




Questa pagina ti è stata utile?

NO