Verbale di accordo - Società Vestas Nacelles S.r.L.

In data 11 novembre  2013 si è svolto presso il Ministero dello Sviluppo Economico il terzo incontro per l’esame della situazione relativa alla Società Vestas Nacelles S.r.L.

All’incontro hanno partecipato il Sottosegretario di Stato prof. Claudio De Vincenti, dr. Castano e la dr.ssa Brunetti  del Ministero dello Sviluppo Economico, l’Assessore al Lavoro della Regione Puglia Leo Caroli, l’assessore alle politiche del lavoro del Comune di Taranto dr. Scacciamacchia Gionatan, il Management Vestas Italiano ed Europeo, le Organizzazioni Sindacali FIM CISL, FIOM CGIL, UILM UIL nazionali e  territoriali unitamente alle Rappresentanze Sindacali Unitarie.
Erano altresì presenti all’incontro i rappresentanti di Confindustria Taranto.

Premesso

  • che Vestas Nacelles Italia S.r.L. ha avviato una procedura di licenziamento collettivo dell’intero organico dello Stabilimento di Taranto a seguito della determinazione di cessare l’attività produttiva;
  • che le parti si sono incontrate in sede ministeriale il 4 e 11 ottobre 2013 al fine di verificare il possibile raggiungimento di una intesa che nelle predette occasioni non si è pervenuti all’accordo per la distanza delle posizioni espresse dalle parti;
  • che Vestas ha comunicato di voler continuare ad operare in Italia considerando strategici gli asset produttivi che permarranno nel sito industriale ionico a valle della cessazione dell’attività di Vestas Nacelles S.r.l.;
  • che a conferma di quanto innanzi richiamato, all’esito della discussione Vestas ha manifestato la determinazione di operare un investimento volto ad accrescere la competitività degli stabilimenti italiani.

 
Tutto ciò premesso le parti hanno discusso e sottoscritto quanto segue:

1.  La Società ha comunicato che intende rafforzare la propria presenza nel comparto Blades ed a tal proposito investirà circa 10 milioni di Euro, finalizzati allo sviluppo di un prodotto di alta tecnologia (V 112). L’investimento troverà la propria concretizzazione nel corso del primo trimestre 2014 ed entrerà a regime nel secondo trimestre dello stesso anno; il predetto investimento consentirà al sito di Vestas Blades di risultare competitivo su piano internazionale. Entro febbraio 2014 è previsto l’inserimento a tempo indeterminato di n. 30 lavoratori di provenienza dal bacino Vestas Nacelles, previa adeguata riqualificazione professionale, da operare come di seguito specificato. Da detto investimento potranno derivare nuove opportunità professionali (laddove supportate dal mercato e da adeguati percorsi di formazione professionale) quantificabili in circa n. 60 unità, da inserire in relazione alle esigenze tecnico – organizzative ed alla crescita reale delle opportunità di mercato.

2.  Al  fine di collocare la scelta richiamata al punto precedente in un contesto generale, Vestas presenterà alle OO.SS. ed alle Istituzioni, presso il MiSE, i propri indirizzi strategici entro la fine del corrente mese per verificare quanto definito nel presente verbale.

3.  Vestas Italia S.r.l., presente all’incontro, formulerà n. 8 proposte occupazionali a tempo indeterminato entro il mese di gennaio 2014 ad altrettanti lavoratori oggi in organico in Vestas Nacelles.

4.  Vestas Group dichiara inoltre di prevedere opportunità professionali per i lavoratori Vestas Nacelles nell’ambito di propri insediamenti in U.K, Spagna, Danimarca e Germania per un totale di circa n. 30 posizioni lavorative previa verifica delle specifiche competenze dei candidati ed in relazione alle esigenze tecnico – organizzative delle singole Società.

5.  Entro la fine del corrente mese le parti sono impegnate a definire un piano sociale che preveda l’accesso alla mobilità incentivata per quei lavoratori che intendano volontariamente aderire, con i criteri della non opposizione, alle proposte formulate all’interno dell’accordo stesso.

6.  La Regione Puglia e Vestas si incontreranno, nelle prossime settimane, al fine di verificare il piano di formazione e riqualificazione e la compatibilità dello stesso con gli strumenti di supporto operativo e finanziario ai sensi della vigente normativa. Il piano sarà volto ad accrescere le possibilità di occupazione dei lavoratori che fruiranno della CIGS prevista.

7.  Vestas, accogliendo le sollecitazioni del Governo e delle Istituzioni territoriali ha comunicato che attiverà la procedura per l’Accordo di CIGS per cessazione attività per n. 24 mesi con sospensione a partire dal prossimo 30 dicembre 2013;  in tale contesto la procedura di mobilità in corso sarà trasformata secondo i principi della non opposizione accompagnata da un incentivo economico per il personale non ricollocato nell’ambito del Gruppo Vestas così come previsto al precedente punto 5. Le parti si danno atto che le intese operative qui previste costituiscono parte vincolante ed essenziale del presente Verbale di accordo.

8.  Quattro mesi prima della scadenza della CIG, le parti si incontreranno per verificare l’eventuale presenza di criticità occupazionali al fine di individuare le soluzioni nell’ambito della normativa in essere.

9.  Il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Puglia sono impegnati, ognuno per la propria competenza, a monitorare la completa applicazione del presente verbale ed a convocare le parti(anche su richiesta di una delle stesse) al fine di raggiungere le necessarie intese o superare eventuali ostacoli.

Letto, confermato e sottoscritto
Roma,  11 novembre 2013




Questa pagina ti è stata utile?

NO