Verbale di riunione – Filatura e Tessitura di Puglia

In data 29 ottobre si è tenuto un incontro riguardante la reindustrializzazione del sito di Ginosa di  Filatura e Tessitura di Puglia srl. Alla riunione erano presenti la Dr.ssa Gatta del Mise, l’assessore Caroli della Regione Puglia il Sindaco di Ginosa Dr. Vito De Palma, il Dr. Fois Di Filatura di Puglia, il Dr. Gelmini e Cavallucci di Termoform,  il dr. Sogaro di Wollo, le OOSS nazionali e territoriali di categoria e le RSU.

Nel corso dell’incontro a seguito delle verifiche portate avanti da Termoform, l’azienda ha confermato l’interesse al sito di Ginosa. I rappresentanti dell’azienda infatti hanno presentato un piano industriale (attualmente alla Regione Puglia), per acquisire una vasta area dello stabilimento di Ginosa ed hanno dichiarato di voler procedere inoltre alle assunzioni a partire da Gennaio 2014, subordinatamente alle verifiche da portare avanti con la Regione Puglia ed il Comune di Ginosa.

Il progetto coinvolge 70 dipendenti e richiede un anno per costruire la sostenibilità di un percorso finalizzato alla ripresa delle attività nel sito di Ginosa. L’investimento previsto dal’azienda prevede l’utilizzo di fondi propri, fondi agevolativi ed accesso al credito presso istituti bancari.

Il Rappresentante di Filatura (Dr. Fois) ribadisce la necessità di pervenire ad accordi vincolanti entro il 20 dicembre 2013, che prevedano condizioni dettagliate dettate dalle parti presenti al  tavolo.

Le Istituzioni, la Regione Puglia ed il Comune di Ginosa ribadiscono la loro intenzione di avviare tutte le procedure necessarie per favorire l’insediamento produttivo e la ripresa dell’attività, a questo proposito la Regione sottolinea i propri impegni per la verifica di tutte le azioni finalizzate all’insediamento industriale compreso l’eventuale accesso agli ammortizzatori.   
  
Viene inoltre confermata la verifica di soggetti industriali interessati al sito di Castellaneta e la conferma di interesse anche su questo sito.

Le OOSS hanno chiesto certezza al fine di costruire il percorso finalizzato alla ripresa dell’attività nel sito.

Le Istituzioni, il Mise, la Regione Puglia ed il Comune confermano l’impegno nel favorire tutte le condizioni necessarie alla ripresa delle attività nel sito, il tavolo rimane aperto per il confronto finalizzato all’Accordo entro fine novembre, fermo restando gli approfondimenti da attivare a livello locale. Infine il Mise e la Regione confermano le condizioni di certezze “inusuali” costruite per favorire la ripresa delle attività (rilascio del capannone a condizioni incentivanti, incentivi alla reindustrializzazione regionali e bando regionale per permettere la formazione  e la riqualificazione del personale).   




Questa pagina ti è stata utile?

NO