Verbale di riunione - Filatura e Tessitura di Puglia

Il giorno 24 settembre 2013 presso il Ministero dello Sviluppo Economico si è tenuta una riunione riguardante la situazione di Filatura e Tessitura di Puglia S.r.l. (società del Gruppo Miroglio). Alla riunione presieduta dal Dr. Castano, hanno partecipato i Rappresentanti della Regione Puglia, della Provincia di Taranto, dei Comuni di Ginosa, di Castellaneta e di Laterza, il rappresentante di Miroglio e di Termoform, delle OOSS nazionale e territoriali di categoria, nonché le RSU.

Il Dr. Castano ha preso atto, unitamente ai presenti al tavolo, del mancato rispetto degli accordi da parte di Qbell e della uscita dell’azienda dal percorso di reindustrializzazione concordato e definito tra Filatura e OO.SS..  Qbell ha comunicato di non opporsi alla ricerca di nuove soluzione poiché il suo investimento non è più certo, il Dr. Castano ne ha giudicato il comportamento assolutamente inadeguato. Ne consegue che Filatura, Qbell ed il Comune di Ginosa sono esentate dal dare esecuzione alla bozza di contratto precedentemente concordata; inoltre Filatura e Tessitura di Puglia S.r.l. direttamente o per il tramite della società di “scounting” Wollo S.r.l. saranno liberi di intrattenere eventuali trattative, sempre nell’alveo ed in rispetto delle intese di cui all’accordo del 9 luglio 2012, con eventuali e potenziali acquirenti per lo stabilimento di Ginosa.

Il Dr. Castano ha quindi comunicato lo stato delle iniziative per favorire la reindustrializzazione dei siti di Ginosa e Castellaneta.

In particolare due, una costituita da un imprenditore locale che per il momento preferisce non comunicare il proprio nome ed una costituita da Termoform, presente al tavolo.

Sono entrambe interessate all’immobile di Ginosa frazionato (trattandosi di un sito molto esteso). 

Con riferimento all’immobile di Castellantea il Dr. Castano ha dichiarato che rischia di essere scarsamente utilizzabile in quanto gli impianti si trovano in uno stato di deterioramento che necessiterebbe di ingenti investimenti per essere rilanciato (da qui la decisione di Termoform di spostarsi su Ginosa). Il Dr. Castano ha comunicato altresì l’importanza di avviare un rapido confronto con la Regione, sulle esigenze di formazione aziendale, per il quale la stessa Regione si è mostrata immediatamente disponibile, visto che i lavoratori dovranno svolgere attività diverse da quelle svolte in precedenza. Le due attività citate potrebbero assumere 90 / 100 lavoratori, complessivamente, ma da ulteriori iniziative (2) che devono ancora essere approfondite e verificate potrebbero derivare numeri non lontani da quelli necessari per la completa ricollocazione del personale.

L’assessore del Comune di Castellaneta ha mostrato preoccupazione per il futuro del sito rappresentato dal suo Comune. L’”Advisor” ha comunque sottolineato che una delle iniziative, ancora oggetto di approfondimento, dovrebbe riguardare Castellaneta.

Il Rappresentante della Regione Puglia (Ass. Caroli) ha sottolineato l’importanza che i lavoratori conservino l’unità, esortandoli a  non lasciare spazio a divisioni. Ha inoltre richiamato il continuo lavoro delle Istituzioni a tutti i livelli, costantemente impegnate nell’individuare una soluzione per i lavoratori di Miroglio, ricordando che la necessità di riservatezza è lo strumento necessario per favorire il buon esito delle trattative.

Il Dr. Fois ha confermato e ribadito la disponibilità di Filatura e Tessitura di Puglia S.r.l. a proseguire nel tentativo di reindustrializzazione del sito di Ginosa e Castellaneta sino al 31 dicembre 2013 nel rispetto degli accordi del 9 luglio 2012,  avvalendosi sino al 31/12/2013 della Società di “scouting” Wollo, al fine di ricercare soggetti imprenditoriali interessati alle unità di Ginosa e Castellaneta e la conseguente ricollocazione del maggior numero di lavoratori che hanno aderito al percorso definito nell’accordo del 9 luglio 2012. Ha inoltre dato la disponibilità a valutare, su sollecitazione delle ooss e comunque nelle giuste forme e modalità, la possibilità di superare (max 3 mesi) il termine previsto del 31 dicembre 2013 nell’erogazione delle somme spettanti ai lavoratori (a titolo di incentivi all’esodo) previste dal citato accordo del 09/07/2012, per favorire eventuali imprenditori nello sviluppo di progetti industriali ed occupazionali che nel frattempo dovessero concretizzarsi nell’imminenza della scadenza del 31/12/2013.

Il Rappresentante di Termoform ha garantito l’interesse all’insediamento nel sito, ha però specificato che rispetto alle comunicazioni precedenti, sarà orientato ad un approfondimento sul sito di Ginosa e non più di Castellaneta in quanto le somme per gli interventi necessari a rendere agibile il sito, dopo una visione di quest’ultimo, sarebbero ingenti quasi quanto l’investimento previsto per la reindustrializzazione. 

I Rappresentanti dei Comuni coinvolti (Ginosa e Castellaneta) hanno confermato la propria disponibilità ad agevolare gli insediamenti nei siti e di iniziare le fasi tecnico-burocratiche per portare, dal gennaio 2014, la proprietà dello stabilimento da Filatura al Comune di Ginosa ed al Comune di Castellaneta.

In conclusione le parti hanno convenuto  che il percorso sopra indicato sarà oggetto di monitoraggio ministeriale, prevedendo un incontro di aggiornamento il 21/10/2013, fermi restando i sopraccitati incontri di approfondimento, da svolgersi in sede locale.




Questa pagina ti è stata utile?

NO