Ceramica Tradizionale e Artistica – Ceramica di Qualità

La legge 188/90 tutela la Ceramica Artistica e Tradizionale e la Ceramica di Qualità mediante l'istituzione dei marchi CAT e CQ.

Si tratta di denominazioni di origine delle produzioni ceramiche ai fini della tutela e della conservazione delle loro caratteristiche tecniche e produttive.

 

La tutela

La legge tutela i decori, le forme e la qualità della ceramica attraverso:

  • il Consiglio Nazionale Ceramico, i Comitati di Disciplinare, le Regioni e gli enti locali nell'ambito delle rispettive competenze
  • i Consorzi volontari fra produttori di ceramica artistica e tradizionale delle zone di affermata tradizione, individuate ai sensi della legge.

Le produzioni ceramiche tutelate sono le ceramiche artistiche e tradizionali prodotte secondo forme, decori, tecniche e stili divenuti patrimonio storico e culturale delle zone di affermata tradizione ceramica, ovvero secondo innovazioni ispirate alla tradizione. Sono comprese anche altre produzioni purché effettuate in conformità all'apposito Disciplinare approvato dal Consiglio Nazionale Ceramico.

 


Il Consiglio Nazionale Ceramico

Il Consiglio Nazionale Ceramico (CNC) ha il compito di tutelare e la ceramica artistica e tradizionale, valorizzandone il patrimonio storico e culturale tradizionale nonché i modelli e i decori tipici, e la ceramica di qualità.

Il CNC viene nominato con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico e dura in carica 5 anni. Vi sono rappresentate:

  • istituzioni nazionali competenti in materia di attività produttive e commercio estero (Ministero dello Sviluppo Economico), beni culturali e ambientali e turismo (MIBACT), istruzione e ricerca (MIUR);
  • istituzioni regionali a maggior vocazione ceramica (i cui rappresentanti sono designati dalla Conferenza permanente dei Presidenti delle Regioni);
  • istituzioni comunali a maggior vocazione ceramica (rappresentanti designati da ANCI e UNCEM);
  • associazioni di categoria maggiormente rappresentative in campo nazionale in rappresentanza dei produttori di ceramica artistica e tradizionale (Confindustria Ceramica, CNA, Confartigianato, CONFAPI, Confederazioni Libere Associazioni Artigiane Italiane, Confederazione Autonoma Sindacati Artigiani, Associazione Cristiana Artigiani Italiani).

 


Comuni di affermata tradizione ceramica

Sono Comuni riconosciuti dal Consiglio Nazionale Ceramico quali zone di affermata tradizione ceramica:

Abruzzo

  • Castelli (TE)

Calabria

  • Squillace (CZ)

Campania

  • Ariano Irpino (AV)
  • Capodimonte (NA)
  • Cava de' Tirreni (SA)
  • Cerreto Sannita e San Lorenzello (BN)
  • Vietri (SA)

Emilia - Romagna

  • Faenza (RA)

Lazio

  • Civita Castellana (VT)
  • Viterbo (VT)

Liguria

  • Albisola Superiore e Albissola Marina (SV)

Lombardia

  • Laveno Mombello (VA)
  • Lodi (LO)

Marche

  • Ascoli Piceno (AP)
  • Pesaro (PU)
  • Urbania (PU) 

Piemonte

  • Castellamonte (TO)
  • Mondovì (CN)

Puglia

  • Cutrofiano (LE)
  • Grottaglie (TA)
  • Laterza (TA)

Sardegna

  • Assemini (CA)
  • Oristano (OR)

Sicilia

  • Burgio (AG)
  • Caltagirone (CT)
  • Santo Stefano di Camastra (ME)
  • Sciacca (AG)

Toscana

  • Borgo San Lorenzo (FI)
  • Impruneta (FI)
  • Montelupo Fiorentino (FI)
  • Sesto Fiorentino (FI)

Umbria

  • Deruta (PG)
  • Gualdo Tadino (PG)
  • Gubbio (PG)
  • Orvieto (TR)

Veneto

  • Bassano del Grappa (VI)
  • Este (PD)
  • Nove (VI)

 

Documenti

 

Normativa e principali provvedimenti attuativi

  • Legge n.188 del 9 luglio 1990 “Tutela della Ceramica Artistica e tradizionale e della Ceramica di Qualità”
  • Deliberazione CNC 21 ottobre 1992: Regolamento di funzionamento del CNC
  • Deliberazioni CNC 27 marzo 1996: Applicazione della Legge n.188/90 per i produttori ceramici appartenenti ai Paesi dello Spazio economico europeo; Disciplinare tipo della produzione di Ceramica Artistica e Tradizionale e Disciplinare della Ceramica di Qualità (G.U. n. 283 del 4/12/1997).
  • Deliberazione CNC 12 dicembre 1996: Art. 1 - Registri dei produttori di Ceramica Artistica e Tradizionale e dei produttori di Ceramica di Qualità, e domande di iscrizione; Art. 2 – Definizione del disciplinare dei marchi; Art. 2bis Composizione e nomina dei Comitati di Disciplinare; Art. 3 – Modalità di funzionamento dei Comitati di Disciplinare; Art. 4 – Modalità di formazione e funzionamento dei Registri dei produttori ceramici.
  • Decreto Ministeriale 26 giugno 1997: Istituzione dei marchi “Ceramica Artistica e Tradizionale” e “Ceramica di Qualità” (G.U. n.153 del 3 luglio 1997).
  • Deliberazione CNC 26 gennaio 2016: Modifica all'articolo 2bis della deliberazione 12/12/1996.

 

Ultimo aggiornamento: 19 marzo 2018

 

 

 



Questa pagina ti è stata utile?

NO