Ispezioni di bordo

Al Ministero dello Sviluppo Economico è affidata la sorveglianza sugli apparati radioelettrici di bordo attraverso le ispezioni e collaudi degli stessi ai fini del rilascio del certificato di sicurezza radioelettrica per navi da carico e, per quanto di competenza, ai fini del  rilascio del certificato di sicurezza passeggeri. Tale sorveglianza avviene in applicazione  dell’art. 5 comma 2 del decreto legislativo n. 104 del 14 giugno 2011 e del decreto legislativo n. 259 dell’1 agosto 2003 che regola anche il settore radioelettrico marittimo.

In particolare alla Direzione Generale per i Servizi di Comunicazione Elettronica, di Radiodiffusione e Postali è attribuita la predisposizione di direttive, provvedimenti e circolari di carattere amministrativo e contabile relative all’esercizio delle stazioni radioelettriche, in particolare per il settore radio marittimo ed aeronautico, rilascio dei titoli abilitativi per l’esercizio tramite esami degli apparati radioelettrici e dei  certificati di sicurezza radioelettrica (DPCM n. 158 del 5 dicembre 2013 all’art. 13 lettera n).

Per questo al fine di rendere uniformi ed omogenee le regole procedurali che devono armonizzare il settore per lo svolgimento dell’attività su menzionata, e di adottare metodi innovativi per la semplificazione e il miglioramento dei servizi richiesti da terzi  in materia di tutela e salvaguardia della vita umana in mare, la Direzione Generale SCERP considerando strategico per l’economia italiana il settore marittimo, ed essendo evidente il vulnus della bandiera italiana, ha da qualche tempo deciso, d’intesa anche con il Comando Generale delle Capitanerie di Porto, il Mit e il Maeci, di approfondire alcune tematiche riguardanti il settore apportando modifiche ed  aggiornamenti delle normative uniformandole  anche alle richieste dell’Europa.

Allegati

 Ultimo aggiornamento: 20 marzo 2015



Questa pagina ti è stata utile?

NO