Immissione sul mercato di apparecchiature radio

Per poter essere immessi sul mercato e circolare nell'Unione europea, le apparecchiature radio devono rispondere ad una serie di requisiti, stabiliti a livello comunitario dalla Direttiva 2014/53/UE, recepita dall’ordinamento italiano con il decreto legislativo 22 giugno 2016 n. 128 .

 

Requisiti per l'immissione sul mercato

È responsabilità del fabbricante o dell'importatore nel caso di apparecchiature radio originarie di paesi extraeuropei ovvero, nelle ipotesi di cui all'art. 14 del decreto legislativo 128/2016, del distributore, provvedere affinché vengano immesse sul mercato dell'Unione europea solo apparecchiature radio conformi alla direttiva 2014/53/UE.

In via generale, la conformità alle previsioni della direttiva 2014/53/UE è dimostrata dalla presenza della marcatura CE e della dichiarazione di conformità che sono gli unici modi per dimostrare la rispondenza dell’apparecchio ai requisiti stabiliti per legge:

  • sicurezza elettrica
  • compatibilità elettromagnetica
  • uso efficace dello spettro radioelettrico.

Fra le apparecchiature radio sopra descritte fanno eccezione una serie di apparecchiature con caratteristiche particolari, tra le quali:

  • le apparecchiature radio destinate ad essere installate a bordo di aeromobili civili 
  • le apparecchiature radio usate esclusivamente nelle attività concernenti la pubblica sicurezza, la difesa, la sicurezza dello Stato e nelle attività dello Stato in materia di diritto penale
  • e, tranne nel caso in cui le apparecchiature siano state messe a disposizione sul mercato, le apparecchiature radio utilizzate da radioamatori.

Sono inoltre escluse dalla disciplina l'equipaggiamento marittimo che rientra nell'ambito di applicazione della direttiva 96/98/CE e i kit di valutazione su misura per professionisti, destinati a essere utilizzati unicamente in strutture di ricerca e sviluppo a tali fini.

 

Comunicazione di immissione sul mercato

Prima del giugno 2016, le apparecchiature radio che utilizzano bande di frequenze la cui applicazione non è armonizzata nell'Unione europea dovevano essere notificate al Ministero con almeno quattro settimane di anticipo rispetto all'immissione sul mercato. Al termine del procedimento, i dati relativi alle medesime apparecchiature venivano inseriti in un apposito database liberamente consultabile.

Con l'entrata in vigore del decreto legislativo 128/2016 è decaduto questo obbligo di notifica preventiva, in quanto le informazioni sull’uso dello spettro radio in ciascun Stato membro sono liberamente consultabili sul sito ERO Frequency Information Service (EFIS). Il database delle apparecchiature notificate in base alla normativa vigente fino alla data del 12 giugno 2016 è comunque mantenuto online.

 

Comunicazione volontaria

Presso il Ministero è rimasto fruibile un servizio che, su base volontaria e gratuitamente, consente a chi ha l'intenzione di immettere sul mercato un'apparecchiatura di conoscere le principali caratteristiche radio (banda di frequenze, potenza, canalizzazione ed altro), gli standard, le specifiche o le norme tecniche di riferimento e la presenza di restrizioni applicabili alla messa in servizio o di requisiti in materia di autorizzazione d’uso.

Per accedere al servizio il richiedente potrà inviare all’indirizzo email dgpgsr.segreteria@mise.gov.it  oppure all’indirizzo PEC: dgpgsr.div01@pec.mise.gov.it una comunicazione di immissione sul mercato utilizzando il modello scaricabile in formato doc.

I dati relativi alle apparecchiature oggetto della comunicazione verranno inseriti nel predetto database delle apparecchiature notificate. Si precisa al riguardo che, ai fini della sorveglianza sul mercato (e quindi per eventuali sanzioni previste dall’art. 10, comma 6, del d.lgs 269/2001), il database deve essere preso in considerazione solo relativamente agli apparati notificati ed immessi sul mercato, ai sensi dell’art. 6.4 della Direttiva 1999/5/CE (abrogata con la Direttiva 2014/53/UE), fino alla data del 12 giugno 2016.

Tutti gli  apparati inseriti nel database dopo tale data sono da prendere in considerazione solo a livello di informazione e/o consultazione da parte dell’utenza finale, delle società del settore o da chiunque sia interessato a conoscere la situazione in tempo reale degli apparati notificati ed immessi sul mercato dal 2000 ad oggi e di quelli che sono immessi sul mercato dopo la data del 13 giugno 2016.

 

Compatibilità elettromagnetica

In merito alla compatibilità elettromagnetica dei dispositivi elettrici ed elettronici non disciplinati dalla Direttiva 2014/53/UE questi, per essere immessi sul mercato, devono essere conformi alla direttiva comunitaria 2014/30/UE recepita nell'ordinamento italiano con decreto legislativo 194/2007 come modificato dal decreto legislativo 80/2016.  Sono incluse tra questi dispositivi anche le apparecchiature di telecomunicazione a linea fissa (telefoni, fax, modem, ecc) che precedentemente erano disciplinate dalla direttiva 1999/5/CE mentre ora sono escluse dalla disciplina della direttiva 2014/53/UE.

Sempre in tema di compatibilità elettromagnetica, il Ministero autorizza gli organismi a svolgere l’attività di valutazione di conformità CE ai sensi della Direttiva 2014/30/UE, concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica.

La lista degli organismi autorizzati è disponibile online.

Ultimo aggiornamento: 13 giugno 2017



Questa pagina ti è stata utile?

NO